Home Scuola Alife, l’Istituto comprensivo riparte promuovendo unità e condivisione tra scuola e famiglie

Alife, l’Istituto comprensivo riparte promuovendo unità e condivisione tra scuola e famiglie

Festa di inizio anno posticipata a sabato mattina: la dirigente De Girolamo in visita a tutti i plessi in compagnia del vescovo Mons. Di Cerbo

1476
0

“Uno per tutti, tutti per uno, perché non resti indietro nessuno!”
Questo lo slogan per l’ottimo inizio d’anno dell’Istituto Comprensivo Statale di Alife da quest’anno affidato in reggenza alla Dirigente Bernarda De Girolamo, in servizio presso il Liceo Statale Galileo Galilei di Piedimonte Matese.

Ieri mattina a partire dal plesso scolastico di Via Volturno e a  seguire, in tutte le altre scuole dell’ Istituto, è andata in scena la “Festa dell’Accoglienza” con pensieri, parole e musiche.

Gli alunni, protagonisti dell’evento, coordinati dai loro docenti, hanno dato il meglio di sé, della loro creatività, recitando poesie, filastrocche e piccoli jingle, cantando e mimando canzoni antiche e moderne  con spunti comici e nostalgici.
A fare da colorata scenografia lanterne volanti, palloncini e aeroplanini, affidando al cielo i sogni dei ragazzi e le loro aspettative per un nuovo anno scolastico ricco e stimolante.

Il saluto degli alunni è andato innanzitutto alla Dirigente De Girolamo e al Vescovo Mons. Valentino Di Cerbo che accompagnati dal presidente del Consiglio Francesco Santangelo, da alcuni Sindaci del comprensorio matesino (Imperadore di San Potito Sannitico, Di Lorenzo di Piedimonte Matese, Raccio di Gioia Sannitica) e dal Presidente della Comunità Montana del Matese (Scuncio) hanno fatto visita a tutti i plessi scolastici di Alife: insieme per dire che insieme si cresce e si progetta, senza distinzioni di appartenenza geografica o politica, ma per il bene  e lo sviluppo dell’intero territorio.

Dall’Infanzia alla Media sono risuonati gli auguri di un nuovo anno scolastico ricco di idee, di  progetti e di tante iniziative per un rilancio sociale e culturale del territorio alifano.
Da qui il monito della Dirigente ad una fattiva collaborazione tra la scuola e le Istituzioni laiche e religiose presenti sul territorio al fine di far rinascere la comunità alifana per riportarla ad un rinnovato e alto spessore.
In sintonia il messaggio della prof.ssa De Girolamo, con il pensiero manifestato da Mons. Di Cerbo che “da soli non si va da nessuna parte” incitando ad una logica di comunità e di condivisione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.