Home Eventi Piedimonte Matese. Reliquia di San Venanzio, ci sarà anche il Vescovo Valentino

Piedimonte Matese. Reliquia di San Venanzio, ci sarà anche il Vescovo Valentino

Cresce l’attesa della Parrocchia di Vallata e della cittadinanza per la restituzione al culto del Cranio del Patrono di Camerino, ritrovato lo scorso agosto. Ed intanto è in corso una singolare gara di solidarietà tra i fedeli per accogliere al meglio la sacra Reliquia

2646
0
Il Santuario di Ave Gratia Plena a Piedimonte Matese

A Piedimonte Matese cresce l’attesa intorno all’Esposizione al culto del Cranio di San Venanzio Martire, programmata dalla Parrocchia di Ave Gratia Plena per il pomeriggio di oggi. Anche il Vescovo Valentino parteciperà al Rito di restituzione al culto dei Sacri resti del Patrono di Camerino, ritrovati fortuitamente la scorsa estate nei locali attigui alla Chiesa parrocchiale di Vallata. Stasera, mentre nell’Oratorio parrocchiale si terrà il consueto incontro del sabato con i ragazzi, sarà celebrata nella Chiesa di San Filippo Neri: da qui, alle 17.30, partirà una piccola processione, con la partecipazione dei ragazzi e di tutte le compagini associative della Comunità; giunti in Parrocchia, si procederà ad una breve presentazione storico-biografica del Santo, conclusa dalla recita dei Vespri.

Non appare un caso, il ritrovamento del Cranio di S.Venanzio: esso, appartenente ad un santo martirizzato a soli 15 anni, è stato ritrovato proprio alla vigilia del Sinodo dei giovani, indetto da Papa Francesco per il 2018. Inoltre, nell’occasione odierna, tale Reliquia partirà proprio da una chiesa dedicata all’Apostolo della gioventù romana, Filippo Neri, accompagnata in particolar modo dai ragazzi del posto. Tutta una serie di segnali che sembrano a dir poco provvidenziali.

La generosità dei fedeli. Pur avendo come obiettivo la partecipazione dei giovani, nelle ultime ore molti fedeli stanno offrendo un sostegno concreto per rendere più bello il ritorno al culto della Reliquia di San Venanzio. Infatti, in questi giorni, è scattata una singolare gara di solidarietà, che sta impegnando persone ed enti nella buona riuscita dell’evento. La famiglia Castorina, per esempio, ha confezionato e donato l’urna lignea destinata ad accogliere la Reliquia del Santo, mentre alcuni fedeli non che lo stesso Don Emilio hanno donato e predisposto i tessuti e gli accessori che andranno a completare il rivestimento interno della teca.

Nel frattempo, anche l’associazione Mondo migliore, ha messo a disposizione delle piccole lampade artigianali, che andranno ad illuminare in maniera più suggestiva tutto il tratto di via Annunziata che sarà interessato dalla processione, mentre il gruppo di giovani che con il Parroco ha ritrovato la Reliquia – e che settimanalmente predispone le visite al campanile – insieme con altri fedeli, offrirà la nuova illuminazione della Scala della Comunione dei Santi, appena inaugurata nella torre campanaria, che sarà al centro della Veglia di preghiera di lunedi 31 ottobre.

In parole povere si tratta di un autentico fermento, intorno ad un momento di Fede che si candida a diventare un evento memorabile per la Storia della Parrocchia di Ave Gratia Plena, della città di Piedimonte e della Diocesi di Alife-Caiazzo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.