Home Buone Letture Il demonio ha paura della gente allegra, il libro di Fabio Geda...

Il demonio ha paura della gente allegra, il libro di Fabio Geda nella nostra rubrica “Buona lettura”

"Il demonio ha paura della gente allegra" è il titolo del libro di Fabio Geda, insegnante, scrittore, ma prima di tutto educatore, attento alle esigenze dei più giovani, seguendo l'esempio di don Giovanni Bosco

920
0

Francesca Costantino Vedrei benissimo don Bosco tra i ragazzi dei nostri giorni. Saprebbe sicuramente come captare i loro desideri e le loro paure. Poi penso che in fondo c’è, esiste, è presenza. Vive in quanti lavorano ogni giorno seguendo i suoi insegnamenti e precetti, che un po’ ha lasciato per iscritto, un po’ ha plasmato nelle azioni dei suoi operatori salesiani. È quanto ci racconta Fabio Geda, scrittore ed insegnante torinese, intrecciando meravigliosamente la sua esperienza di allievo ed educatore a quella prodigiosa e sacra di Giovanni Bosco, testimone fedele di progetti d’amore pragmatici e fecondi.
Don Bosco opera nella Torino dell’Ottocento, analfabeta e povera, traboccante di ragazzi senza futuro, ultimi in tutto e affamati. Per loro inventa alternative coraggiose, fatte di scuole, laboratori, divertimenti. È il primo a concepire e promuovere un contratto di apprendistato, una cassa di risparmi e una collana di libri semplificata. Attraverso la nascita capillare di oratori salesiani e la diffusione di operatori motivati, l’insegnamento di don Bosco si moltiplica e mira sempre a prevenire prima di dover curare. Alla base c’è sempre l’ascolto meticoloso delle esigenze e caratteristiche dell’altro, c’è l’umanità.

Le storie di Fabio, invece, vivono i nostri tempi ostili, quelli dell’accoglienza e della formazione. Sono storie di uomini di buona volontà, discepoli di don Bosco, che tentano faticosamente di ascoltare ed integrare il dolore di quanti hanno già perso tutto e sperano di sopravvivere alla loro dignità.
Dal libro ho sottolineato alcune parole dell’autore, che trascrivo, in conclusione, nella speranza d’infondere la voglia di leggerlo tutto d’un fiato, come è successo a me. “Una volta don Bosco scrisse che il demonio ha paura della gente allegra. Per me […] il demonio è la resa. Arrendersi alla retorica dell’odio e del nemico. Arrendersi all’idea che il mercato abbia ragione e non si possa immaginare un sistema di ridistribuzione del reddito che metta tutti nella condizione di vivere dignitosamente. Arrendersi all’euforia della trasformazione tecnologica senza chiedersi se siamo noi a gestire la trasformazione o è la trasformazione a gestire noi. Arrendersi a quelle famose passioni tristi.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.