Home Attualità Panico da Coronavirus? Come superare lo stress psicologico, i consigli del Distretto...

Panico da Coronavirus? Come superare lo stress psicologico, i consigli del Distretto sanitario n.15

Consigli utili su come gestire insieme la tensione causata dal sovraccarico di informazioni e paure (giustificate e non) da Coronavirus

1341
0

paura del coronavirus

Dal Distretto Sanitario n.15 Piedimonte Matese ci giungono alcuni consigli utili per affrontare questo periodo di particolare tensione emotiva e stress psicologico in cui è forte la paura da Coronavirus e le convivenze familiari a cui si era poco abituati destabilizzano (per alcuni) un personale equilibrio emotivo. Ad occuparsene, nello specifico è l’Unità Operativa Materno Infantile (UOMI) coordinato dalla dottoressa Cristiana Ferrucci, con la collaborazione del team di sanitari, in questo momento particolarmente attenti a seguire l’utenza sotto questi punti di vista.

E se l’attenzione dell’Italia e del Mondo è sull’urgenza di uscire dalla pandemia, non è da sottovalutare la condizione psichica di tutti… senza sottovalutare lo stato emotivo-psicologico di nessuno.

Il Distretto ci ha fornito due schede, facili da consultare, una per gli anziani e per i cosiddetti pazienti fragili, l’altra per bambini e adulti: si tratta di consigli pratici, piccoli suggerimenti da vivere per se stessi o per sostenere chi ci sta accanto. Ne facciamo tesoro convinti che il bene di tutti, in questo momento, passa anche attraverso questo tipo di sostegno.

Per gli anziani e i pazienti fragili, costretti più di tutti a restare il più possibile a casa, sono questi i consigli di massima:

  • Continuare con le nostre attività in casa: leggere, cucinare, piccoli lavoretti aiuta a tenerci impegnati e ad allentare la tensione;
  • Mantenere un buon ritmo del sonno e continuare a mangiare sano;
  • Passare del tempo con la famiglia, anche attraverso dispositivi elettronici ci può aiutare a sentirci meno soli. Allo stesso tempo, sempre in maniera digitale, passare del tempo con i nipoti: raccontargli episodi della nostra infanzia etc;
  • In questo periodo i livelli di stress possono essere molto alti ed è normale sentirsi frustrato il più delle volte: conversare con gli altri (amici, familiari) può aiutare a farci sentire meglio, condividendo anche le nostre paure con l’altro;
  • L’informazione è importante, ma ricordati che ascoltare in maniera incessante i telegiornali non aiuta a controllare lo stato di paura: ascolta le news solo un paio di volte al giorno e cerca di affidarti sempre a canali ufficiali ed autorevoli: molte persone, purtroppo, approfittano di questi periodi difficili per alimentare la paura e l’ansia immotivatamente;
  • Se riusciamo a mantenere i livelli del nostro umore stabili, anche le persone che ci sono intorno ne beneficeranno: mantenere la calma e rispettare i provvedimenti ministeriali è l’unico modo per far sì che tutto questo finisca molto presto.

Per quanto riguarda adulti e bambini, i consigli rimangono più o meno gli stessi, ricordarsi di controllare poche volte i telegiornali senza fare sovraccarico di informazioni, controllare solo fonti ufficiali, mantenere le proprie abitudini o trovarsene delle nuove, mantenere la regolarità del sonno e mangiare sano e ricordarsi che il rispetto delle nuove regole ministeriali serve per non sovraccaricare il nostro sistema sanitario e far in modo di fermare questa epidemia.

Per i bambini invece si consiglia:

  • Di raccontargli sempre la verità, ma in maniera semplice;
  • Anche i bambini non devono far sovraccarico di informazioni: essendo piccoli spesso non hanno gli strumenti adatti per comprendere quello che sta succedendo, facendo aumentare il loro livello di ansia e di paura;
  • Trasmettere sempre affetto e attenzione ai figli e permettergli di fare le attività piacevoli (ove possibile: giocare in giardino, guardare un film, leggere libri insieme, fare i compiti etc.);
  • Per non far provare paura ai tuoi figli, ricordati di raccontargli anche che – nonostante siamo costretti a stare in casa – ci sono tante persone (personale sanitario e medico) che si stanno prendendo cura degli ammalati per ripristinare sicurezza. Sottolinea gli aspetti positivi delle azioni di cura.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.