Home Territorio Piedimonte Matese. Nasce il forum “Matese c’è” per discutere di realtà e...

Piedimonte Matese. Nasce il forum “Matese c’è” per discutere di realtà e attualità cittadina. Online il sindaco e i cittadini

Traffico cittadino, fruizione di immobili dismessi, finanze comunali: i primi scambi tra il sindaco Vittorio Civitillo e i piedimontesi

1170
0

È online il forum Matese c’è per discutere di realtà e attualità cittadina. A promuoverlo come piccolo esperimento di democrazia partecipata è l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Vittorio Civitillo che già in campagna elettorale ipotizzava occasioni di confronto con i cittadini per acquisire informazioni, segnalazioni, proposte, ma anche per dare risposte in tempo reale su particolari esigenze. Non è la pagina ufficiale del Comune, anch’essa preposta a raccogliere segnalazioni dai piedimontesi, ma uno spazio promosso dal gruppo “Rise – Rinascita Matesina” della maggioranza politica.

“Ideato quale luogo di incontro per favorire il confronto attivo e consapevole di tutti gli appartenenti alla comunità del Matese” si legge nella pagina web dove si chiama in causa l’importanza di “riscoprire i valori dell’appartenenza e della partecipazione attiva” per fare di Piedimonte Matese una città migliore.

È attivo da pochi giorni e già alcuni cittadini hanno preso confidenza con questo strumento ponendo domande che riguardano il traffico urbano, l’economia del Comune; la destinazione d’uso di alcuni immobili dismessi; a rispondere alle richieste, alle riflessioni o o a provocazioni più accese è il Sindaco…
Per partecipare è importante prendere atto del Regolamento e poi registrarsi: trasparenza, correttezza, lealtà sono le regole base per una comunicazione funzionale e costruttiva pertanto ogni tentativo di offesa, ogni comportamento verbale scurrile non verrà ammesso alla pubblica visione…

Su quali temi sarà possibile intervenire? L’home page, nella sezione “Forum” mostra un menu a tendina che sui temi ambiente, associazioni, comitati di quartiere, segnalazioni, sviluppo della città, scuola, sport, turismo.
Categorie che tuttavia non “ingabbiano” la riflessione che sicuramente per molti cittadini si estenderebbe a temi quali cultura (non per forza legata al turismo), sanità (il tema della medicina territoriale), vivibilità e socialità in genere….

L’uso dei social, non più dimensione virtuale ma consolidata esperienza di vita, ha visto il moltiplicarsi di “gruppi” cittadini o di quartiere soprattutto su Facebook e fatto crescere negli utenti la consapevolezza di poter vivere la comunità anche in questo modo: scambi di informazioni, notizie, pareri e frequentemente la denuncia di disservizi (non senza derive scurrili e offensive purtroppo); così anche per i piedimontesi ormai in piena confidenza con questa dinamica di socialità. Il Forum Matese c’è appena inaugurato dal Comune, pur essendo subordinato ad un regolamento diverso così come prevede questo tipo di pagine, tende a riunire su una sorta di diario collettivo il dibattito pubblico cittadino e a fissare una banca-memoria di domande e risposte.…La comunità si attende tanto da questa Amministrazione tanto che opere pubbliche, fruizione dei beni culturali e promozione degli stessi; organizzazione del piano traffico; vivibilità dei quartieri e decoro urbano, gestione delle finanze…sembrano collocarsi tra le priorità che chiedono i residenti come appunto è emerso nei giorni scorsi e come emergeva in campagna elettorale.
Sul Forum infatti c’è stata la possibilità di aprire già i primi dibattiti; forma sperimentale di un criterio di confronto che potrebbe funzionare, tanto per i cittadini quanto per gli amministratori facilitati dalla banca dati di informazioni qui raccolte.

Cosa salva una comunità? Di sicuro la relazione, lo scambio di pareri sui marciapiedi e nelle piazze lì dove si srotola la vita dei cittadini, dei negozianti, degli studenti, dei disabili in carrozzina, delle famiglie; ma anche l’ufficio comunale dove il cittadino ritrova la storia del suo paese e i servizi che per esso si tenta di costruire giorno per giorno…: un esercizio antico e nuovo, di faccia a faccia, che non si lascia superare dalle modalità di confronto in una piazza virtuale. Ma lode alla modernità! Al click che consente a tutti di velocizzare richieste e risposte e al contempo rendere noto un problema personale o una soluzione in cui tutti si possano riconoscere fissando “nero su bianco” attese e promesse.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.