Home Territorio Covid19. Ad Alife e Valle Agricola le ordinanze dei Sindaci per bar...

Covid19. Ad Alife e Valle Agricola le ordinanze dei Sindaci per bar e ristoranti

Alife riduce l'orario di apertura di bar e vineria; Valle Agricola impone la chiusura ma consente l'asporto. Nel piccolo comune di montagna sospeso anche il mercato settimanale

1263
0

L’aumento dei casi positivi in tutta l’area matesina (link ASL), in linea con l’andamento generale che si sta verificando in Italia, ha portato le Autorità pubbliche del territorio ad assumere importanti e responsabili decisioni. Dapprima il sindaco di Alife Maria Luisa Di Tommaso e poi quello di Valle Agricola Rocco Landi nella giornata di ieri hanno deciso – seppur con qualche aspetto diverso tra i due Comuni – l’ anticipata chiusura dei locali come bar, vinerie ad Alife e la totale chiusura a Valle Agricola (i dettagli in fondo all’articolo) nei giorni in cui è previsto maggiore affollamento.

Singolare che a decidere così similmente siano due centri distanti geograficamente e diversi per numero di popolazione residente: Alife con 7.400 abitanti circa e Valle Agricola con scarsi 800 residenti puntano ad unico obiettivo: arginare nel miglior modo possibile il dilagare dell’epidemia da Covid19 che, seppur nella variante Omicron desta meno preoccupazioni rispetto a quella Delta e alla forma Alfa del virus, resta un problema per la salute dei più fragili e un rischio di paralisi per l’economia non solo locale.

L’obbligo di quarantena (che cambierà dopo l’entrata in vigore del nuovo Decreto del Governo dal 10 gennaio) al momento costringe molti cittadini a rimanere in casa e molte attività commerciali a rimanere chiuse con il danno inaspettato per queste feste natalizie.

Quelle messe in campo da pochi (isolati) sindaci, sono misure di controllo che solo parzialmente potrebbero garantire fra qualche giorno un più sereno ritorno alla normalità della vita. Il resto possono farlo solo i singoli cittadini riducendo le uscite, i contatti sociali, gli assembramenti anche in famiglia…  Meno presenti sul territorio le Forze dell’Ordine a maggior tutela delle regole imposte dal Governo centrale e quello regionale: non sono mancati affollamenti in prossimità di bar e altri luoghi pubblici; e in più di qualche caso è venuto meno tra i passanti l’uso della mascherina all’aperto mentre in Campania è rimasta regola fissa senza mai sospensione. Dall’impegno di ognuno, la salute di tutti e la garanzia di maggior tranquillità: nei giorni scorsi, diversi titolari di bar e altri esercizi commerciali hanno per primi lamentato il mancato rispetto delle regole da parte di clienti e passanti e segnalato la fatica di poter controllare gli afflussi di persone e la difficoltà a far rispettare quanto previsto.

Le strette dei Comuni
 Alife  Il Sindaco Maria Luisa Di Tommaso, con l’ordinanza n.17 d el 30 dicembre 2021 ha predisposto per i giorni 31 dicembre, 1 e 2 gennaio la chiusura alle 13.00 di bar, enoteche e vinerie presenti sul territorio comunale. SCARICA L’ORDINANZA.

 Valle Agricola  Il Sindaco Rocco Landi, con l’ordinanza prot. N.4077 del 30 dicembre 2021 ha predisposto la sospensione delle attività di ristorazione (bar, ristoranti, pasticcerie, pub e simili) nei giorni 31 dicembre, 1 e 2 gennaio fatta salva la modalità di consegna a domicilio e asporto dalle 5.00 alle 23.00.
Dal 31 al 2 ha vietato il consumo di cibi e bevande, alcole e non alcoliche (ad eccezione dell’acqua) nelle aree pubbliche compresi gli spazi antistanti bar, ristoranti….
In ultimo ha sospeso il mercato settimanale in Piazza XX Settembre e il commercio ambulante fino al 6 gennaio. SCARICA L’RDINANZA. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.