Home Chiesa e Diocesi Insegnanti di religione. La Diocesi cura la formazione dei docenti, a Dragoni...

Insegnanti di religione. La Diocesi cura la formazione dei docenti, a Dragoni l’incontro con il Vescovo

Momento a cura dell'Ufficio Scuola; preghiera e formazione affidata all'Ufficio catechistico. Il Vescovo si è unito al gruppo per la Celebrazione della Messa

521
0
La formazione delle Insegnanti di Religione, ormai da tempo è una priorità per la Diocesi di Alife-Caiazzo: ascoltarne le esperienze in ambito scolastico, come muta l’approccio con le esigenze e le domande di alunni e studenti, su quali linguaggi sintonizzarsi per essere immagine di una Chiesa che dialoga, accoglie e accompagna la crescita delle generazioni anche attraverso quell’incontro di classe in cui più umanità e diverse sensibilità si incontrano. Sabato scorso a Dragoni presso la Chiesa dell’Annunziata l’Ufficio Scuola diocesano ha organizzato il rimo incontro di questo anno scolastico: aggiornamento, formazione, spiritualità i momenti che lo hanno caratterizzato. A coordinare le attività il dott. Luigi Arrigo, responsabile dell’Ufficio; la preghiera e la formazione sono state curate dall’Ufficio catechistico diocesano, rispettivamente da Suor Sabrina Cavazzana vicedirettrice e don David Ortega direttore.
Spazio alle “ragioni” alle “motivazioni” che accompagnano un docente di religione nei contesti contemporanei affollati di domande e molteplici e diverse visioni sulla vita, le scelte morali, le scelte di vita, ma anche la domanda su Dio (da accogliere ma anche da suscitare).
Presente anche il Vescovo S. E. Mons. Giacomo Cirulli per la celebrazione della
Messa durante la quale, a partire dalla Parola di Dio, ha affidato ai presenti il suo messaggio spirituale: “dobbiamo essere portatori di una Parola viva ed efficace; dobbiamo essere capaci di mettere in connessione la Sacra scrittura cronologicamente distante da noi, con la vita di oggi, con le esperienze che vivono i nostri ragazzi…”. “Tra noi e la Parola scritta c’è una distanza che bisogna colmare perché questa Essa diventi attuale!“.
Un invito alle Idr: far passare, attraverso la vita e il ruolo che si riveste il racconto che la Chiesa è viva ed è portatrice di esperienze e messaggi di cui il mondo ha bisogno: forte il riferimento del Vescovo ai poveri di oggi da sostenere, agli stranieri da accogliere, agli esclusi da abbracciare… E in ultimo la totale disponibilità ad essere presente in ambiente scolastico come interlocutore e narratore della Storia biblica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.