Home Territorio Legambiente del Matese: torna l’evento “Puliamo il mondo”, protagoniste due scuole del...

Legambiente del Matese: torna l’evento “Puliamo il mondo”, protagoniste due scuole del territorio

Castello del Matese e San Potito Sannitico sono le comunità coinvolte nell'iniziativa che punta a sensibilizzare sulla tutela dell'ambiente ma anche ad intervenire sul campo per la difesa degli spazi dall'inquinamento

429
0

Se dico “Puliamo il mondo” dico Legambiente. Uno slogan e un impegno ormai indissolubili in tutta la Penisola: è l’evento autunnale che da anni parla a migliaia di cittadini e in modo particolare agli alunni coinvolti in una giornata di particolare sensibilizzazione sul tema della tutela ambientale; la manifestazione arriva spesso nelle scuole e trova nelle giovani generazioni interessati interlocutori, ma anche adulti e anziani, lì dove sono i diretti destinatari della proposta di “pulizia” ambientale non si sottraggono all’impegno di ripulire gli spazi pubblici. Pettorine gialle sparse ovunque in giardini, piazze, strade, fossati per recuperare quel che non va, quello che distrattamente o volontariamente è finito per terra ad inquinare…

Il giallo che contraddistingue questa ed altre manifestazioni della storica associazione italiana ha fatto la sua comparsa anche a Castello del Matese e a San Potito Sannitico lo scorso 7 ed otto ottobre per l’iniziativa di Legambiente Matese: protagonisti dell’edizione 2022 di Puliamo il Mondo (“Per un clima di pace” è lo slogan aggiunto all’evento) sono stati gli alunni della Scuola Primaria e Secondaria di I grado e i loro docenti insieme ai membri del Consiglio direttivo dell’associazione matesina guidato da Gaetana Musto.
Hanno giocato, e giocando, individuato ciò che non va nell’ambiente; ne hanno parlato insieme e si sono assunti degli impegni, ma lo hanno fatto divertendosi, differenziando, comprendendo anche il valore di riciclare il rifiuto che (apparentemente) non serve più.

Abbiamo chiesto un parere alla professoressa Michela Visone, Dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo Piedimonte Matese 2-Castello del Matese. Nel caso della sua Scuola, sono stati gli alunni di Castello ad essere coinvolti nella giornata di venerdì. “Abbiamo accolto con piacere questa iniziativa per i principi di rispetto dell’ambiente, senso di comunità e solidarietà che promuove” le sue parole a conferma che l’alleanza scuola e territorio sia strategia educativa vincente. “È essenziale coinvolgere i ragazzi in iniziative di questo tipo perché attraverso l’esperienza imparano le buone prassi per il rispetto dell’ambiente come non abbandonare rifiuti e differenziare. Questi gesti semplici possono fare la differenza quando si parla di futuro e di ambiente, un bene prezioso che appartiene a tutti noi e di cui tutti insieme siamo corresponsabili e dobbiamo prendercene cura”.
Una sorpresa si è presentata alla vista dei ragazzi di Castello del Matese mentre raccoglievano e differenziavano i rifiuti abbandonati: il ritrovamento di una vecchia anfora (nella foto), di quegli oggetti un tempo presenti nelle case di tutti gli anziani, ma ricercati e ben esposti oggi nelle abitazioni. “I nostri ragazzi sono stati protagonisti attivi e consapevoli: hanno raccolto, differenziato, ascoltato e ora ricicleranno un’anfora vecchia a cui daranno nuova vita. Impareranno da questa esperienza l’importanza di riutilizzare le cose grazie ad un briciolo di creatività e di fantasia. Nel nostro caso la giornata di “Puliamo il mondo” avrà un piacevole seguito…”. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.