Home Scuola Caiazzo / 8 marzo. Liceo Scientifico Pietro Giannone, l’omaggio degli studenti alle...

Caiazzo / 8 marzo. Liceo Scientifico Pietro Giannone, l’omaggio degli studenti alle donne iraniane

L'evento, patrocinato dal Comune di Caiazzo, è stato promosso dalla Pro Loco Caiazzo, dall’Associazione Storica del Caiatino, dall’Associazione Toponomastica femminile di Caserta e dall’Istituto Pietro Giannone

666
0

Comunicato stampa – Presso il Liceo Scientifico P. Giannone di Caiazzo, è stata celebrata la Giornata internazionale della Donna, appuntamento proposto dalla Pro Loco Caiazzo, dall’Associazione Storica del Caiatino, dall’Associazione Toponomastica femminile di Caserta e dall’Istituto P. Giannone, con il patrocinio del Comune di Caiazzo. Protagonisti dell’evento sono stati i giovani studenti del Liceo che hanno proposto approfondimenti sul tema dell’assenza dei diritti delle donne in Iran, ricorrendo a una comunicazione non formale: monologhi, filmati, brani musicali e rappresentazioni grafiche, il tutto coordinato dai docenti del Liceo stesso.

L’accoglienza è stata affidata a fotografie di donne scattate da Luigi Cofrancesco e da disegni realizzati da Lara Zullo e dagli studenti del secondo anno del Liceo caiatino.
I lavori coordinati dalla presidente della Pro Loco, Maria Grazia Fiore, hanno avuto inizio con un approfondimento sulla “Rivoluzione” in atto in Iran, curato dagli studenti del quinto anno, seguito da interventi istituzionali del sindaco di Caiazzo, Stefano Giaquinto, della dirigente del Liceo, Marina Campanile, della presidente dell’Associazione Storica del Caiatino, Ilaria Cervo, e della referente dell’associazione Toponomastica Femminile, Fosca Pizzaroni.

Toccante la testimonianza portata da Samira Lotfi Khah, iraniana, membro della segreteria Flai CGIL di Caserta, che nel manifestare sincera commozione per la solidarietà e la vicinanza dichiarata dai giovani studenti verso le donne iraniane e verso il suo Paese, ha conquistato l’attenzione di tutti attraverso il racconto della propria esperienza di vita, giovane iraniana assetata di libertà. L’intensità del suo intervento ha letteralmente rapito la platea, tanto da generare una spontanea standing ovation. Emozionante è stato anche l’intervento della scrittrice Mariastella Eisenberg, che attraverso le liriche di un’autrice iraniana, ha contribuito a dare le diverse letture della libertà e della sete generata dalla sua assenza.

La chiusura dei lavori è stata affidata alle voci e alla musica degli studenti che hanno eseguito brani contemporanei, “Supereroi”, e di qualche tempo fa, “Quello che le donne non dicono”, affidando alle parole di John Lennon la speranza in un futuro migliore, cantando l’intramontabile “Immagine”. La presidente della Pro Loco ha salutato gli intervenuti affidandosi alle parole del romanzo “Mille Splendidi Soli” di Khaled Hosseini: “Non si possono contare le lune che brillano sui suoi tetti, né i mille splendidi soli che si nascondono dietro i suoi muri” e ha ricordato che “Una società non ha nessuna possibilità di progredire se le sue donne sono ignoranti”. Un ringraziamento particolare è stato dedicato alle docenti Tiziana Cepparulo e Lina Di Monaco.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.