Home Chiesa e Diocesi Piedimonte Matese. La Guardia di Finanza dona 864 paia di scarpe alla...

Piedimonte Matese. La Guardia di Finanza dona 864 paia di scarpe alla Caritas di Alife-Caiazzo. Distribuzioni in tutto l’Alto Casertano

Attraverso i Servizi di ascolto e di accoglienza attivi nelle Diocesi di Teano-Calvi, di Alife-Caiazzo e di Sessa Aurunca le scarpe saranno donate a singoli e famiglie indigenti

1307
0

Questa mattina la Guardia di Finanza di Piedimonte Matese al comando del Sottotenente Pasquale De Ruosi ha consegnato alla Caritas della Diocesi di Alife-Caiazzo 864 paia di scarpe fabbricate sul modello di un noto marchio, nuove e mai indossate, frutto di sequestro nel 2019. Le indagini svolte dal Luogotenente c.s. Martino Fernando (Comandante del Nucleo Mobile) sotto la direzione del Comandante della Tenenza De Ruosi nel mese di aprile si sono concluse con il dissequestro del materiale e la predisposizione nei giorni scorsi del dono per scopo umanitario.

Immediata la risposta e la destinazione di tali beni che saranno donati a singoli e famiglie che accedono ai centri di Ascolto e di accoglienza delle Diocesi di Teano-Calvi, Alife-Caiazzo e Sessa Aurunca guidate dal Vescovo Mons. Giacomo Cirulli.

E’ stato il Vescovo in persona, insieme al Direttore e al vicedirettore della Caritas diocesana – i diaconi Paolo Carlone e Raffaele Fazzone – ad accogliere presso l’Episcopio di Piedimonte Matese gli uomini della GdF e annunciare che tale cospicuo dono verrà distribuito “a tanti fratelli e sorelle che versano in condizioni di disagio economico e che la rete di servizi presenti nelle tre Diocesi dell’Alto Casertano intercetta e segue attraverso attività e progetti di sostegno”. Parte di quanto ricevuto sarà donato anche ai detenuti del Carcere di Carinola dove il Vescovo in più di un’occasione ha manifestato vicinanza e supporto. Ha poi aggiunto, “Si tratta di un bel segno di collaborazione tra istituzioni, in questo caso tra la Diocesi e la Guardia di Finanza, che ci auguriamo di poter rafforzare avendo sempre davanti a noi un obiettivo: la dignità degli ultimi, di coloro che non possiamo dimenticare, di coloro che necessitano del nostro impegno e ancor di più di impegno di forze congiunte”.

Importanti segni che dimostrano il valore sociale e civile di collaborazioni istituzionali e che trasmettono fiducia nell’operato e nell’impegno di chi – al Servizio dello Stato e del Vangelo – ha davanti a sé l’impegno di raggiungere ogni giorno traguardi di civiltà, di umanità, di trasparenza, di prossimità.

Non è la prima volta che enti o istituzioni civili e militari contano sulla rete di contatti e la progettualità degli enti ecclesiali locali per destinare al miglior uso beni materiali e alimentari a categorie sociali fragili, ce lo conferma il Direttore della Caritas di Alife-Caiazzo, Paolo Carlone, che in diverse occasioni interloquisce con essi per la più opportuna destinazione di vari beni: “Colgo l’occasione di questa mattina per ringraziare la Guardia di Finanza di Piedimonte e Grazie a tutte le Istituzioni che collaborano con la Caritas e che in questi anni ci sono state vicine come Coldiretti di Caserta e Camera di Commercio di Caserta; ma anche i tanti che anonimamente non ci fanno mancare ogni supporto. Il lavoro congiunto ci permette con maggior forza di rialzare chi è abbandonato, solo e nel bisogno e a restituire dignità; ma è anche esempio per le nuove generazioni perché conoscano che la cultura della pace e la cittadinanza responsabile sono un impegno possibile”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.