Home Arte e Cultura L’Associazione Storica del Caiatino partecipa a “Il Maggio dei Libri”, letture per...

L’Associazione Storica del Caiatino partecipa a “Il Maggio dei Libri”, letture per bambini e non solo

Oggi (24 maggio) alle 18.00 nella Biblioteca Civica di Caiazzo "G. Faraone", in Palazzo Mazziotti, la presentazione del libro di Giandomenico Lorusso, maestro di Scuola d'Infanzia, "Filastorie in bicicletta", edito da Edizioni Fioranna 2023

833
0
L’Associazione Storica del Caiatino partecipa a Il Maggio dei Libri, l’evento nazionale promosso dal Centro per il libro e la lettura, istituto del Ministero della Cultura, che mira a diffondere il valore della lettura e dei libri. Questa sera (24 maggio), alle 18.00, nella sala lettura della Biblioteca Civica di Caiazzo “G. Faraone”, che ha sede in Palazzo Mazziotti, dove è ubicata anche la Biblioteca dell’Associazione Storica Caiatina, si terrà la manifestazione dedicata al piacere della lettura. “In sintonia con lo slogan scelto per la manifestazione Se leggi sei forte, abbiamo scelto di rivolgerci in modo particolare ai bambini, ma non solo… proponendo l’ascolto di brani selezionati e letti da persone addette ai lavori”, così Ilaria Cervo, presidente dell’ASC.
Nel corso della serata, inoltre, sarà presentato il libro Filastorie in bicicletta, a firma di Giandomenico Lorusso, maestro di Scuola d’Infanzia, ed edito da Edizioni Fioranna 2023, piccola casa editrice indipendente fondata a Napoli nel 2008 con la volontà di seguire una precisa linea di produzione, ovverosia valorizzare il territorio campano e approfondire temi legati alla produzione artistici, focalizzando l’attenzione sull’isola di Procida. L’appuntamento letterario verrà anticipato dalla visita al Museo Kere, guidata dal professore Augusto Russo e alla biblioteca a cura di Paolo Mandato. La scelta di aderire all’evento nazionale risponde alla finalità di “accendere in chi ascolta il desiderio di leggere“, che si sposa con la mission che l’Associazione Storica del Caiatino persegue da quando è nata, ossia “promuovere la conoscenza, in primis della storia dei nostri territori, che a nostro avviso passa anche attraverso l’educazione alla lettura e all’ascolto”, sottolinea Ilaria Cervo.
 Giandomenico Lorusso, cenni biografici 
Giandomenico Lorusso, classe 1989, è cresciuto ad Altamura in provincia di Bari. Ha trascorso la sua infanzia e la sua adolescenza in questo bellissimo borgo medievale, coltivando le sue passioni: l’atletica leggera, le lunghe passeggiate in bicicletta nelle sconfinate colline dell’Alta Murgia e la passione per la fotografia dando vita nel 2016 alla mostra fotografica Viandanti e viaggiatori. Nel 2008 parte per Leeds, in Inghilterra, dove comincia un progetto SVE (servizio di volontariato europeo) con diverse finalità: la tutela ambientale, la prevenzione alla dispersione scolastica e l’assistenza sociale agli anziani. Nel 2014 ha partecipato ad altri due progetti SVE: uno nella regione della Languedoc nel Sud della Francia con l’associazione artistico-culturale “Bouillon Cube”, l’altro in Romania con l’associazione IDEA di Sibiu occupandosi di tematiche sociali europee da inserire all’interno di uno spettacolo di strada. Nello stesso anno consegue la laurea in Scienze dell’educazione presso l’Ateneo di Bari. Nel 2016 ritorna in Francia collaborando con la scuola francese di Nantes “La Perverie” nelle vesti di insegnante e lettore madrelingua nelle classi di scuola media e superiore.
Durante le estati tra 2010 e il 2021, ha lavorato come animatore turistico nel campo dell’infanzia e dell’adolescenza e come direttore artistico nei villaggi per famiglie e campeggi. Nel 2019 sposa il suo primo progetto in Africa con l’associazione “Papillon Blue” di Dakar in Senegal. Il progetto è pensato per prevenire la dispersione scolastica nel quartiere di Pikine a Dakar. Nel dicembre 2021, dopo aver attraversato tutta l’Italia centrale in bicicletta, viene pubblicato un articolo su tuttobiciweb dal titolo Il viaggio di Giando, un messaggio per il mondo. Nel 2021 si trasferisce a Napoli e inizia a collaborare con la scuola dell’infanzia “Giochi Infiniti” nel ruolo di maestro. Ha cominciato a scrivere per gioco intorno ai vent’anni. Raccontava dei suoi viaggi in giro per l’Italia e per l’Europa sia in bici che a piedi. Poi ha cominciato a scrivere filastrocche che parlassero di tematiche reali legate all’ambiente, al gioco, all’educazione civica e tanto altro. Filastorie in bicicletta è il suo primo libro. Sarà Eugenia Chierico, l’illustratrice delle storie, a percorrere con lui questa magnifica avventura.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.