Home Attualità Terra Santa. “Per risanare i cuori servono leadership illuminate”, così padre Patton...

Terra Santa. “Per risanare i cuori servono leadership illuminate”, così padre Patton sulla questione palestinese

322
0

Il crescendo delle tensioni in Terra Santa, con il carico di difficoltà economiche e sociologiche che porta con sé, riabilita la “teoria dei due Stati”, dal momento che è inverosimile “pensare a uno Stato unico”. Padre Francesco Patton, Custode di Terra Santa, ai microfoni del SIR torna sulla questione palestinese, affermando come ad essere coinvolti siano anche i cristiani di Terra Santa, ai quali va concesso un “sostegno concreto”.

Gerusalemme dal monte degli ulivi

Daniele Rocchi – “C’è un disagio e una grande difficoltà ad affrontare questi temi anche per noi cristiani di Terra Santa perché ci rendiamo conto benissimo delle sofferenze che ci sono da una parte e dall’altra. Ci rendiamo conto delle ragioni e dei torti da una parte e dall’altra. Desideriamo che questa guerra finisca, perché altrimenti il solco di odio ogni giorno diventa più profondo, e rimettere insieme i pezzi dopo sarà davvero molto difficile”. È quanto dichiarato da padre Francesco Patton, Custode di Terra Santa, in una intervista con i media vaticani, diffusa il 4 maggio scorso (ndr), in cui passa in rassegna la situazione in Terra Santa, con particolare riferimento alla guerra a Gaza e alle tensioni in Cisgiordania.

Per il Custode “serviranno tempi lunghi per superare questo tipo di ferita, perché la dimensione emotiva in questo conflitto è stata fortissima”. Per risanare i cuori serve “molto tempo e soprattutto leadership illuminate, da una parte e dall’altra, che sappiano lavorare per una riconciliazione” come avvenne in Europa nel Novecento dopo le due guerre mondiali con milioni di morti”. Con il 7 ottobre è tornata in auge l’ipotesi dei due Stati, da sempre la posizione della Santa Sede: “ora – spiega Patton – si è preso coscienza che la questione palestinese deve avere una soluzione politica.

Padre Francesco Patton (Foto: AFP/SIR)

E quindi, il ritorno della teoria dei due Stati è legato anche al fatto che in questo momento credo non sia verosimile pensare a uno Stato unico. Il come concretamente mettere in piedi il secondo Stato, quello di Palestina – perché uno c’è già, quello di Israele – ha bisogno sicuramente del contributo prima di tutto dei diretti interessati, cioè dei palestinesi. Non si può far lo Stato di Palestina sulla pelle dei palestinesi, perché questa operazione è già stata fatta a suo tempo e non ha funzionato. Vanno coinvolti. Bisogna poi che i Paesi più influenti – in primis gli Stati Uniti, ma anche i Paesi arabi del Golfo – aiutino a trovare la forma adatta”.

Quanto sta accadendo vede coinvolta anche la componente cristiana: “i nostri fedeli – continua il Custode – da un lato sentono di appartenere a un popolo, dall’altro sentono anche, in quanto cristiani, di essere chiamati ad andare al di là di una visione etnica. Anche i cristiani soffrono molto, in questo momento, perché si trovano in mezzo e
vengono tirati da entrambe le parti. C’è chi, da una parte e dall’altra, vorrebbe che i cristiani si schierassero in modo unilaterale. I cristiani sono la componente culturalmente più pacifica, e quindi quella che in qualche modo potrebbe dare un contributo, in futuro, a quel percorso di riconciliazione di cui parlavamo. Si sentono però frustrati perché, spesso dal mondo ebraico sono considerati semplicemente arabi e dal mondo arabo non sono considerati sufficientemente arabi in quanto cristiani. In questo momento è tornato il desiderio di emigrare”. Da qui l’appello del Custode per “un sostegno concreto per poter aiutare i cristiani e la popolazione locale di fronte alle difficoltà economiche che la guerra ha portato”.

Fonte SIR

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.