Home Chiesa e Diocesi Commento al Vangelo di domenica 9 giugno: “Chi fa la volontà di...

Commento al Vangelo di domenica 9 giugno: “Chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre”

Commento al Vangelo della X domenica del Tempo ordinario - Anno B

399
0

di Padre Gianpiero Tavolaro
Comunità Monastica di Ruviano (Clicca)

X domenica del Tempo ordinario – Anno B
Gn 3,9-15; Sal 129; 2 Cor 4,13-5,1; Mc 3,20-35. 

Cristo e l’abate Mena detta Icona dell’Amicizia

Dalla montagna Gesù si sposta in una casa: dal luogo dell’avvicinarsi dell’uomo a Dio, Gesù si sposta al luogo della prossimità di Dio agli uomini, con la chiara intenzione – che risulta dagli altri passi in cui l’evangelista Marco parla della casa – di prendersi cura particolarmente dei discepoli che ha appena radunato intorno a sé.

Eppure, le folle lo cercano ancora (come in 3,7), violando quella intimità che la casa significa, al punto che «non potevano neppure mangiare». È questa la cornice narrativa entro la quale Marco inserisce, in due tempi (al v. 21 e ai vv. 31-35), una riflessione sui veri “intimi” di Gesù, su chi, cioè, può dirsi realmente dei “suoi”: anche se nei due casi, l’evangelista potrebbe riferirsi alle stesse persone (vale a dire gli appartenenti alla famiglia di Gesù e al suo parentado), tuttavia il v. 21 potrebbe includere un riferimento più generico anche a coloro che sono legati a lui in modo particolarmente stretto.

In ogni caso, i due brevi testi si riferiscono a situazioni diverse e hanno ciascuno un proprio significato. Nel primo caso, infatti, si mette in evidenza il falso giudizio che – come avverrà nel caso degli abitanti di Nazaret, al capitolo 6 – viene formulato su Gesù da parte di coloro che gli sono vicini: costoro vogliono “impadronirsi” di lui («uscirono per andare a prenderlo»), riportandolo a casa, dal momento che non comprendono le esigenze del Regno che Gesù antepone persino ai suoi bisogni (per questo essi dicono: «è fuori di sé»).

Nel secondo caso, i parenti di Gesù – tra i quali sono annoverati la madre e i fratelli – non formulano alcun giudizio e non esprimono parole di risentimento, ma lo mandano a chiamare, forse per reclamare una prossimità “di sangue”, per ricordargli un’appartenenza “naturale” della quale egli sembra essersi dimenticato.

Significativamente, questa seconda situazione è preceduta dal riferimento alla reazione degli scribi, che, come i “suoi” del v. 21, formulano un giudizio molto duro su Gesù, dichiarandolo addirittura posseduto.

A questa accusa Gesù risponde con le due brevi parabole del regno e della casa: le due immagini, che sembrano evocare l’orizzonte delle relazioni con Dio (il regno) e con gli uomini (la casa), affermano chiaramente l’impossibilità che una relazione si regga quando è in sé contraddittoria. È contraddittorio, infatti, essere alleati con colui contro il quale si combatte: e che Gesù combatta con Satana è dichiarato sin dall’esordio del Vangelo, nel breve episodio delle tentazioni (cf. 1,13) e nel primo miracolo compiuto nella sinagoga (cf. 1,21-28), dove Gesù libera un uomo da uno spirito impuro (dal quale, in 3,30, è accusato di essere posseduto).

Accusare Gesù di essere dalla parte di Satana significa non voler riconoscere la sua azione liberatrice: e questa è “bestemmia” (vale a dire attacco all’onore e alla potenza di Dio) che non può essere perdonata non per mancanza di misericordia da parte di Dio, ma per la resistenza a Dio di chi la formula, il quale si esclude volontariamente dalla salvezza.

Non basta, però, non essere un evidente avversario di Gesù per essergli davvero “intimo”: se, infatti, vi può essere chi, come gli scribi, si esclude dalla relazione con Gesù per la durezza del proprio cuore (cf. 3,5), accedere a quella relazione significa, come suggerisce il v. 35, stabilire con lui un rapporto fondato sul fare la volontà di Dio.

È solo il riferimento alla volontà di Dio che può avvicinare effettivamente l’uomo a Dio, facendo addirittura della casa degli uomini il luogo del manifestarsi del Regno: ciò non richiede che siano negati i legami naturali, ma che anch’essi, come ogni altra relazione, siano vissuti in maniera “mediata”, cioè attraverso Cristo.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.