Home Speciale Anno della Fede 3. Il coraggio della Fede – Speciale Anno della Fede

3. Il coraggio della Fede – Speciale Anno della Fede

761
0

Un giorno Gesù volle fare una specie di sondaggio d’opinione; voleva cercare di sapere che cosa si diceva di lui in giro. Perciò chiese ai suoi discepoli: “Che cosa dice la gente di me?”(Mc.8,28) Gli Apostoli subito riferirono quella che era l’opinione della gente: “Giovanni Battista Elia, uno dei profeti”. (Mc.8,29). Ma si trattava solo di una opinione, di un’opinione giornalistica, non fondata sulla conoscenza diretta e personale, era  un’opinione per sentito dire. Così è la fede di tanti cristiani, di ieri e di oggi. Si crede per sentito dire.discepoli cristo
La fede per sentito dire non è fede. È solo una parvenza di fede, perché la fede vera ed autentica ha radici molto profonde e le radici scavano, scavano. L’opinione non è fede, perché credere significa avere un rapporto personale con una persona; credere significa affidarsi ad una persona; credere significa che la vita personale ha senso perché c’è quella persona. È sempre un altro che conferisce senso alla nostra vita. Senza un “tu” che mi interpella, la vita non avrebbe senso. Questo “tu” non è solo una persona che mi vuole bene e a cui io voglio bene.
Perché il “tu” che mi sta di fronte non può soddisfare pienamente la mia vita. Ecco la fede: è affidarsi ad un “Tu” che può soddisfare la mia vita; può dare senso non solo a ciò che faccio, ma a ciò che sono.
Dopo aver saputo che cosa la gente pensa di Lui, Gesù si rivolge ai suoi amici, a quelli che, ormai da tempo, stavano con Lui e chiede loro: “Per voi chi sono io?” (Mc.8,29). Non si tratta più di rispondere con l’opinione acquistata per sentito dire; non si tratta più di dare una risposta basata sull’opinione comune. Si tratta di una risposta di fede, cioè di una risposta che va data con la mente e con il cuore, con l’intelligenza e la volontà, con il pianto, il dolore, la gioia e la speranza che sono racchiuse nel profondo di ogni uomo. Pietro allora risponde: “Tu sei il Cristo”. (Mc.8,29) Si è sentito interpellato radicalmente Pietro; si è sentito sconvolto nel profondo; ha avvertito di trovarsi di fronte ad uno che non solo faceva miracoli, che non solo insegnava e predicava. Ha avvertito di trovarsi di fronte a quel “Tu” che la profondità della sua coscienza stava cercando da tanto.

Alfonso Caso

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.