Home Venezia 70 Mostra del Cinema di Venezia. Con Clooney e Bullock ai nastri di...

Mostra del Cinema di Venezia. Con Clooney e Bullock ai nastri di partenza la 70^ edizione

825
0

Anche quest’anno Clarus segue da vicino il Festival. Il tema della crisi domina le storie dei film selezionati.

Lido di Venezia. Questione di poche ore in laguna, e si darà il via ufficiale alla 70^ edizione della Mostra del Cinema. Un’edizione-anniversario che, com’è usanza in queste occasioni, è anche opportunità  di riguardare al passato e di gettare uno sguardo fiducioso al futuro della settima arte, che nei festival si manifesta nelle sue tendenze più interessanti, almeno per quel che riguarda le dimensioni autoriali.banner-venezia
Glamour e divismo misurato quest’anno, tanti grandi nomi noti nei circuiti festivalieri, e qualche scelta ardita, come quella di inserire ben due documentari tra le venti pellicole del Concorso, fra cui “Sacro GRA” di Ganfranco Rosi, una delle tre opere italiane presenti. C’è poi Gianni Amelio, ultimo Leone d’Oro italiano (nel 1998), e il  suo “L’intrepido” con Antonio Albanese, e l’opera prima di Emma Dante che ha adattato per lo schermo il suo romanzo “Via Castellana Bandiera“. Ma sono anche altri gli italiani da tenere d’occhio, alcuni dei quali usciranno tra pochi giorni nelle sale. Tra i più attesi ci sono “Piccola Patria” di Alessandro Rossetto, film duro su un Nordest molto inquietante, e l’esordio di Matteo Oleotto, che con “Zoran, il mio nipote scemo” descrive lo stesso Nordest in una commedia surreale e molto divertente.
E’ un fil rouge legato ai temi dell’attualità e della crisi quello che attraversa il ventaglio di film selezionati dal direttore Alberto Barbera e dalla sua Commissione, storie che raccontano di problemi economici, familiari, sentimentali, in una chiave fortemente cupa e drammatica. Intanto domani si parte con gli oscuri spazi siderali di “Gravity“, pellicola fuori concorso di Alfonso Cuaron, con George Clooney e Sandra Bullock. Passerà giovedì il primo italiano in concorso, quello di Emma Dante.

Michele Menditto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.