Home Chiesa e Diocesi Madonna della Libera. Un culto diffuso in diverse parrocchie della Dicoesi

Madonna della Libera. Un culto diffuso in diverse parrocchie della Dicoesi

1634
0

Prosegue il conto alla rovescia per la restituzione al culto dell’antica statua lignea della Madonna della Libera

di Alfonso Feola

Il particolare delle mani è l'elemento che contraddistingue la rappresentazione della Madonna della Libera. Questa foto mostra solo parzialmente il restauro della statua che verrà portata in processione da Monte Muto a Piedimonte
Il particolare delle mani è l’elemento che contraddistingue la rappresentazione della Madonna della Libera. Questa foto mostra solo parzialmente il restauro della statua che verrà portata in processione da Monte Muto a Piedimonte

L’immagine quattrocentesca, recuperata grazie ad un delicato ed eccezionale intervento di restauro, torna dunque dal passato e lo fa da prima protagonista, divenendo il cuore ed il centro di una serie di manifestazioni tradizionali che da tempo segnano la ripresa delle attività parrocchiali della Comunità di Ave Gratia Plena. In questi ultimi giorni ha fatto da apripista, presso la Chiesa di San Filippo Neri, il novenario incentrato sul tema Rifondare la Comunità Parrocchiale. Giovedì 5 settembre (domani) invece segnerà l’avvio di un triduo di preghiera presso il Santuario francescano di Santa Maria Occorrevole sul Monte Muto, alla presenza dell’antica statua restaurata: si alterneranno nella celebrazione della Messa Don Salvatore Zappulo (Parroco di Sepicciano), Padre Antonio Ridolfi (Guardiano del Convento di S.Maria Occorrevole) ed il Parroco di Ave Gratia Plena Don Emilio Salvatore. Il 7 settembre, al termine della Messa, l’immagine restaurata riscenderà a valle da Monte Muto e con una fiaccolata verrà ricondotta alla Chiesa di San Filippo Neri:  tutti i riti di questa giornata ruoteranno intorno alla grande preghiera indetta da Papa Francesco per la pace in Siria e nel resto del mondo. Il giorno dopo, festa liturgica della Natività di Maria e festa tradizionale di Santa Maria della Libera, si terrà la consueta processione  rionale attraverso le strade del Rione Vallata che terminerà con la Messa vespertina presieduta da Don Cesare Tescione, Parroco di S.Maria Maggiore. Come anticipato in precedenza, proseguono anche i preparativi per la ricostituzione della storica Confraternita di Santa Maria della Libera: già dal 15 agosto scorso infatti, Don Emilio Salvatore ne ha dato annuncio alla Comunità in modo tale da incoraggiare le iscrizioni dei fedeli. Nei prossimi mesi è prevista una cerimonia di vestizione ed una serie di iniziative, mirate alla ripresa della preghiera e del culto presso l’ultima sede del sodalizio, la Chiesa di San Filippo Neri.

Anche nella piccola frazione di Carattano del comune di Gioia Sannitica si venera la Madonna della Libera dove giungono numerosi fedeli da diversi comuni del Matese. Anche qui il 7 e l’8 settembre saranno dedicati ai solenni festeggiamenti in onore della Vergine. Il novenario, dal tema “Ravviva il dono di Dio che è in te” è in questi giorni occasione per riflettere sui sacramenti del battesimo, della confessione, dell’eucarestia e della cresima.
Per domenica 8 settembre, il programma delle celebrazioni verrà così distribuito:

S. Rosario Mariano prima delle Sante Messe.
S. Messe ore 08.30 – 11.15 (Chiesa S. Maria della Libera).
ore 18.30 S. Rosario Mariano, ore 19.00 S. Messa (Chiesa S. Maria degli Angeli).
A seguire solenne processione.
Di seguito la preghiera alla Madonna della Libera che il Parroco don Fernando Stocchetti e il Comitato Festeggiamenti hanno fatto dono alla comunità in occasione della festa.

O Maria,
tu che hai detto il tuo”si” al Signore nella gioia dell’Incarnazione
e sei rimasta fedele al tuo “si” anche sotto la croce,
insegnaci l’abbandono alla volontà del Padre
ed apri il nostro cuore alla sua Parola,
perché nostra guida sia l’amore per il Signore
e non il nostro amor proprio.

O Maria,
espressione perfetta della collaborazione tra Dio e l’uomo,
Madre del nostro Signore e Madre nostra,
donaci la grazia di sentirci tuoi figli e tra noi fratelli in comunione nella Chiesa
“una, santa, cattolica ed apostolica”; col tuo aiuto e con la tua protezione,
dai vigore al nostro impegno e al nostro servizio,
affinché con umiltà e semplicità possiamo essere luce nelle tenebre
e lievito per il Regno di Dio:
che il Signore Gesù possa regnare ora e sempre nel cuore di ognuno!

O Maria santissima della Libera, prendici per mano e portaci a Gesù!
(di Davide Uzzo, vicepresidente Comitato festa)

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.