Home Un verso un pensiero Eduardo De Filippo, Io vulesse truvà pace

Eduardo De Filippo, Io vulesse truvà pace

4530
0

Io vulesse truvà pace;
ma na pace senza morte.
Una, mmieze’a tanta porte,
s’arapesse pè campà!
S’arapesse na matina,
na matin’ ‘e primavera,
e arrivasse fin’ ‘a sera
senza dì: “nzerràte llà!”
Senza sentere cchiù ‘a ggente
ca te dice:”io faccio…,io dico”,
senza sentere l’amico
ca te vene a cunziglià.
Senza senter’ ‘a famiglia
ca te dice: “Ma ch’ ‘e fatto?”
Senza scennere cchiù a patto
c’ ‘a cuscienza e ‘a dignità.
Senza leggere ‘o giurnale…
‘a nutizia impressionante,
ch’è nu guaio pè tutte quante
e nun tiene che ce fà.
Senza sentere ‘o duttore
ca te spiega a malatia…
‘a ricett’ in farmacia…

La quiete_Gignous (1890)
La quiete, Eugenio Gignous (1890)

l’onorario ch’ ‘e ‘a pavà.
Senza sentere stu core
ca te parla ‘e Cuncettina,
Rita, Brigida, Nannina…
Chesta sì…Chell’ata no.
Pecchè, insomma, si vuo pace
e nun sentere cchiù niente,
‘e ‘a sperà ca sulamente
ven’ ‘a morte a te piglià?
Io vulesse truvà pace
ma na pace senza morte.
Una, mmiez’ ‘a tanta porte
s’arapesse pè campà!
S’arapesse na matina,
na matin’ ‘e primavera,
e arrivasse fin’ ‘a sera
senza dì: “nzerràte llà!”

 

Quanti gli affanni che l’animo ha da affrontare! Quante delusioni e quante ingiustizie è costretto a sopportare ogni giorno!
Soggiogato da un’esistenza fatta di apparenza, falsità e insulso vociare, di una cosa soltanto avrebbe bisogno: pace.
Di una pace che, nel frastuono di passioni non corrisposte e offese gratuite, l’accarezzasse, come vento di primavera dal soffio delicato che ad ogni suo errore gli dicesse: “Ricordati che sei vivo!”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.