Home Territorio Truffe agli anziani. I dati dei Carabinieri sull’Alto Casertano e il Matese

Truffe agli anziani. I dati dei Carabinieri sull’Alto Casertano e il Matese

579
0

Non tutti denunciano il torno subito.
Da parte dei cittadini onesti serve vicinanza e solidarietà

La Redazione – Sul nostro mensile di maggio ci siamo occupati del fenomeno “truffe agli anziani”. Quanti di noi, negli ultimi mesi, sono venuti a conoscenza di episodi in cui le povere vittime sono stati vicini di casa, parenti, o conoscenti “perfettamente” imbrogliati da malfattori di turno?
Abbiamo chiesto un parere e un report al Capitano Giovanni Falso, a capo della Compagnia Carabinieri di Piedimonte Matese.
Unitamente al mensile con l’approfondimento abbiamo diffuso il depliant “Campagna sicurezza anziani” promosso dal Ministero dell’Interno e Confartigianato in collaborazione con Carabinieri, Polizia e Guardia di Finanza.

Giovanni Falso, Capitano Compagnia Carabinieri Piedimonte Matese – Il fenomeno delle truffe alle persone di fascia debole (anziani) ha un’incidenza sostanzialmente stabile nell’area di competenza della Compagnia Carabinieri di Piedimonte Matese (articolata su 19 comuni dell’alto Matese). Il fenomeno nel decorso anno 2014 (01.01./31.12) ha registrato 17 reati oggetto di denuncia verificatisi in danno di vittime con età compresa tra i 60 ed i 90 anni, dei quali 4 scoperti (persone identificate successivamente e deferite in stato libero); nei primi cinque mesi del corrente anno (01.01.2015/31.05.2015) la specifica tipologia di reato ha visto 7 delitti commessi, dei quali 2 scoperti. Il dato numerico soffre sicuramente di una “patologica vergogna” che si impadronisce delle vittime, portandole a non rivelare il fatto se non a stretti congiunti e in molti casi sicuramente non alle Forze dell’Ordine.
Continua sulla pagina in basso.
Clicca per aprire l’immagine e leggere.
Clarus Maggio 5-201524

  • Altro su questi argomenti :
  • slider

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.