Home Arte e Cultura Caiazzo. “Una lirica per l’anima”, il concorso di poesia per celebrare l’uomo,...

Caiazzo. “Una lirica per l’anima”, il concorso di poesia per celebrare l’uomo, la natura, la storia

1030
0

C’è tempo fino a marzo per la consegna dei lavori. Il 2 luglio la premiazione dei vincitori. Ambiziosa e originale la I edizione della rassegna culturale caiatina

La Redazione – Una lirica una lirica per l'anima scrivereper l’anima è il concorso di poesia promosso per esprimere in versi la profondità di un amore, un’emozione, la descrizione di un’alba o un tramonto, un’amicizia o un evento. L’arte poetica fatta di suoni e silenzi meglio racchiude, più di ogni altra, spazi in cui la’anima può rivelare se stessa in uno soancio di sentimenti unici per ciascuno.
L’idea è nata dalla collaborazione tra l’Associazione Laudate Domunim di Caiazzo, l’Associazione culturale Termopili di’Italia di Castel Morrone e la Pro Loco di Caiazzo. Hanno prestato concreta collaborazione i seguenti gruppi di Caiazzo: Associazione Storica del Caiatino, Associazione Fotografica “Elvira Puorto”, Gruppo Fotografico “Ansel Adams”, Centro di promozion culturale “F. De Simone”.
Il premio, alla sua prima edizione, vuole anche ricordare figure di caiatini come Tommaso Aversano, Loreto e Ortensio Severino, Giovanni Imperato, Antonio De Simone e tanti altri appassionati autori di versi poetici per ricordare che nelle periferie d’Italia l’arte della poesia ha trovato voce e penna, sempre, grazie alla fantasia e al genio di “anonimi” artisti.
Il concorso è diviso in 4 sezioni:
1. Una lirica per l’anima. Poesia a tema libero.
2. Antonio Della Rocca. Poesia satirica.
3. Una lirica dal carcere. La libertà, ossigeno vitale e primario dell’animo umano.
4. Vescovo Luigi Riccio (Vescovo di Caiazzo dell’epopea garibaldina). Poesia a tema storico.
Nessun limite ai partecipanti: non conta nazionalità, razza, religione, ma solo l’interesse a far vibrare l’anima con il suono delle parole e contribuire con gli organizzatori a promuovere cultura, a generare cultura e creare i presupposti perchè un verso o più di uno possano essere ascoltati, apprezzati, riconosciuti…
A conferire pregio al concorso, come a garantirne lo spessore culturale, oltre alle Associazioni organizzatrici anche i nomi della giuria tecnica come (ne citiamo solo alcuni) il prof. Giorgio Agnisola, Docente Universitario – Università Pontificia Napoli – Critico d’Arte; dott.ssa Maria Caterina Calabrò Docente di Musica Sacra al Master di Architettura, Arti Sacre e Liturgia, Università Europea di Roma – Ateneo Pontificio “Regina Apostolorum”; Angelo Francesco Marcucci, Dirigente Tecnico del MIUR e Dirigente Ambito Territoriale Benevento.

Per i dettagli del regolamento invitiamo i lettori a cliccare qui. Il file contiene ogni informazione e recapito utile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.