Home Territorio Alife-Caiazzo. La Messa crismale in Cattedrale con il Vescovo Valentino

Alife-Caiazzo. La Messa crismale in Cattedrale con il Vescovo Valentino

1643
0

In Cattedrale ad Alife le comunità della Diocesi riunite per partecipare al rito di consacrazione degli oli santi

La Redazione | E’ fra i riti più intensi e sentiti dell’anno liturgico quello che questa mattina è stato al centro della Messa crismale: momento centrale per la vita della diocesi di Alife-Caiazzo che si è riunita con il suo Pastore e i sacerdoti diocesani nella Cattedrale di Alife per la consacrazione dell’olio dei catecumeni, l’olio degli infermi e il crisma. vescovo-valentino-messa-crismale“Liturgia che ci aiuta a rinnovare la consapevolezza della vocazione e della missione del Popolo di Dio in questo territorio, e domandarci: chi sei tu, Chiesa di Alife-Caiazzo, cosa attende da te il tuo Sposo Gesù Cristo?”, così il vescovo Valentino Di Cerbo nell’omelia che ha ripercorso i significati che il rito assume nella liturgia del Giovedì Santo. Per il sacerdote in particolare diventa momento di conferma e rinnovo delle scelte compiute in unione con Cristo, e di riflessione sulla propria missione di amare il Popolo di Dio, invitato ad acquisire nuova consapevolezza di quanto gli è stato affidato. “Nella Messa crismale – ha proseguito Mons. Di Cerbo – è chiesto ai Presbiteri di rivivere l’esperienza del primo amore e di presentarsi al Sommo Sacerdote, trepidanti come nel giorno dell’Ordinazione, ma più consapevoli delle proprie fragilità e tuttavia ricchi dei gesti di amore con i quali nel nome del Signore hanno consolato, benedetto, santificato e conformato a Cristo i fratelli”.
Gremita di fedeli la Cattedrale, e tra essi i rappresentanti di tutte le parrocchie, giunti da ogni luogo della Diocesi per pregare assieme al vescovo Valentino e ricevere gli oli santi da custodire in parrocchia.
“Chiediamo a Maria, la Madre del Sommo Sacerdote – ha concluso il vescovo dopo aver ricordato i preziosi momenti vissuti durante la Visita Pastorale in ciascuna forania – di vegliare su tutti noi, unti e inviati dallo Spirito Santo:  vescovi, presbiteri, cresimati, battezzati, e di accompagnarci con la sua preghiera perché ognuno di noi, superando ferite e difficoltà, possa innamorarsi sempre più del Vangelo, imparare ad accostarsi ai fratelli con sguardo di misericordia e rendersi docile strumento nelle mani di Dio per far fiorire la loro esistenza”.

Leggi l’omelia del vescovo Valentino 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.