Home Un verso un pensiero Sere d’estate, di Arthur Rimbaud

Sere d’estate, di Arthur Rimbaud

6648
0

camminare a piedi_estate

Nelle azzurre sere d’estate, andrò per i sentieri,
punzecchiato dal grano, a pestar l’erba tenera:
trasognato sentirò la frescura sotto i piedi
e lascerò che il vento mi bagni il capo nudo.

Io non parlerò, non penserò più a nulla:
ma l’amore infinito mi salirà nell’anima,
e me ne andrò lontano, molto lontano come uno zingaro,
nella Natura, lieto come con una donna

Estate è tempo di camminare spensierati,
calpestando l’erba tenera nei campi;
Si respira il profumo della libertà, nelle sere d’estate,
accompagnati dal delicato vento.
L’estate fa venire voglia di aprirsi all’amore,
quello che rende l’anima leggera, liberandola da paure e preoccupazioni
e sospingendola verso lidi di pace

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.