Home Eventi San Gregorio Matese. Tutto pronto per Le Notti dei Briganti, verità storica...

San Gregorio Matese. Tutto pronto per Le Notti dei Briganti, verità storica oltre ogni mito

1551
0

Tra le novità di quest’anno a Le Notti dei Briganti, la mostra su Carlo III e un video sui fasti del Regno delle Due Sicilie

La Redazione | Conto alla rovescia per Le Notti dei Briganti, la manifestazione culturale in programma nel piccolo comune del Matese dal 29 al 31 luglio. Un omaggio alla storia del Regno delle Due Sicilie che ormai da 11 anni l’omonima associazione organizza in estate, quando San Gregorio Matese diventa meta di turisti alla ricerca di refrigerio dalla calura estiva.
“Tutto ha inizio 11 anni fa, in agosto, tra un gruppo di 15 persone coinvolte insieme ad altre persone del posto per movimentare l’estate a San Gregorio”, ci spiegano gli stessi Briganti dell’associazione. “L’idea nata un pò per caso si è consolidata nel tempo fino alla convinzione che il nome di questo paese doveva essere necessariamente legato ad un pezzo di Storia fondamentale per l’Italia intera, ma in particolare per il Sud, raccontato, descritto, ricostruito troppe volte in maniera diversa rispetto alla realtà dei fatti”.
Le notti dei briganti 2016Ricerca della verità storica, studio dei documenti e delle storie di uomini e donne che hanno vissuto da protagonisti gli anni del brigantaggio, luce sui fatti, le ricchezze, le potenzialità di un Regno “narrato male e frettolosamente”: sono gli obiettivi che l’associazione ormai consolidata porta avanti grazie ad una maggiore sensibilità – sia in paese che nel circondario – nata intorno alla manifestazione. E perché Le Notti dei Briganti non fossero solo folklore, piazza, semplice occasione di ritrovo popolare, i membri dell’Associazione hanno voluto rendere istituzionale in questa festa il convegno storico di apertura, ogni anno su un tema diverso, direttamente legato al breve periodo del brigantaggio in Italia meridionale, tempo in cui il Sud godeva di privilegi sociali, politici e culturali che i sovrani della casa Borbone avevano impresso al Regno.
“Dare voce alla Storia, ai personaggi che ne furono protagonisti, ai sogni di questo Sud sono gli impegni che portiamo avanti, non in nome di sentimentalismi ma di studi e verità documentarie grazie alla collaborazione consolidata nel tempo dell’Associazione Neoborbonica e al Comitato delle Due Sicilie, entrambi presenti a Napoli; di quest’ultimo, il dott. Fiore Marro, segue con costanza e partecipazione l’organizzazione del nostro evento…”. Nulla pertanto è improvvisato, ma curato e finalizzato a fare cultura e questo I Briganti del Matese lo precisano, lo definiscono ad alta voce, ma soprattutto tengono a trasmetterlo a partire dalle giovane generazioni.
La storia proibita. Briganti o guerriglieri? Ecco rivelato il tema del convegno della festa 2016, affiancato ad una mostra su Carlo III e alla promozione di un interessante video sui Primati del Regno, invenzioni, scoperte, servizi, produzioni agricole ed industriali. Non mancherà, come sempre, il ricordo di due donne simbolo del brigantaggio sul Matese: Maria Maddalena De Lellis, nata a San Gregorio, che imbraccio le armi insieme a tanti altri uomini, conobbe la galera e tornò a San Gregorio ove morì nel 1908; e Mariannella, ricordata perchè vittima di un terribile femminicidio per mano di un brigante presso il Parco dell’amore dove in occasione di questa festa estiva ci si reca puntualmente per ricordare il suo sacrificio.
E San Gregorio Matese sarà anche musica, buon cibo e divertimento grazie alla collaborazione di molti paesani che per 3 giorni si impegnano a far rivivere al visitatore la storia e il mistero di un tempo riuscendo perfettamente a creare il clima giusto, ospitale e amichevole.

Le notti dei briganti 2016

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.