Home Chiesa e Diocesi Padre Antonio Ridolfi saluta Piedimonte Matese. Tanti ricordi in un unico grazie

Padre Antonio Ridolfi saluta Piedimonte Matese. Tanti ricordi in un unico grazie

2650
0

Questa mattina la sua ultima celebrazione alla Cappella di San Giovanni Bosco: “Hai saputo scuoterci, svegliarci, farci ‘riscoprire’ com’è bello essere ‘affamati’ di Dio”, le parole degli amici

Anna Rita Zulla | È sempre doloroso lasciar partire chi si ama, chi ha percorso un buon tratto di strada insieme. E a farlo, stamattina, presso la cappella di San Giovanni Bosco a Piedimonte Matese, sono stati i fedeli, gli amici, i cooperatori salesiani, i chierichetti, le tante famiglie e i numerosi giovani che hanno partecipato alla messa di saluto del francescano, Padre Antonio Ridolfi, figura cara e guida spirituale per molti del territorio chiamato a guidare una nuova comunità a Sorrento.
Sono stati in tantissimi a volerlo salutare, ognuno si è ritrovato come compagno di un viaggio bellissimo fatto insieme a questo frate, che ha saputo tracciare, durante gli anni di presenza nella terra matesina, un percorso ricco di insegnamenti, emozioni e ricordi.
Una celebrazione che ha commosso molti, in cui a fatica qualcuno ha trattenuto le lacrime. “Ma siamo servi di Dio – ha spiegato padre Antonio durante l’omelia – non possiamo sottrarci al nostro compito, dobbiamo andare. Ed io andrò, portando con me questo carico di emozioni che mi avete regalato in questi anni. Tante, troppe, bellissime emozioni”.
Palesemente commosso il frate ha continuato ringraziando in prima persona il Vescovo della diocesi, Valentino Di Cerbo, per avergli permesso di costruire e lavorare in quel modo nella vigna del Signore, e poi ha ricordato i sacerdoti diocesani, don Emilio Di Muccio, don Cesare Tescione, don Andrea De Vico, don Antonio Rinaldi, don Emilio salvatore, don Domenico La Cerra e tanti altri, con i quali ha condiviso una collaborazione sincera.
A circondare Padre Antonio poi, sull’altare durante tutta la funzione, i suoi piccoli chierichetti, i bambini, tutti con delle magliette bianche e un cuore rosso con la scritta “ sempre nei nostri cuori” , gli stessi che durante l’offertorio, hanno donato al caro padre una maglietta con le foto dei momenti più belli trascorsi insieme.
Gli è stata donata anche una chiave, la chiave del cuore, e poi una conchiglia per quel mare che lo aspetterà, e poi una corona del rosario come affidamento a Maria.
L’emozione era tanta, si toccava con mano, si leggeva sui volti.
In tanti hanno ringraziato il padre francescano, indirizzandogli dei pensieri e pregando per lui e il suo nuovo incarico, «pur sapendo che nulla cambia nei rapporti che con gioia e con fatica si sono costruiti insieme». Un lungo applauso per lui, per questo caro frate, per questa guida, per questo amico, per questo padre che mancherà a tutti a Piedimonte.
Per padre Antonio Ridolfi solo parole di stima, tanti abbracci e sorrisi e grazie unanimi, racchiusi in un unico coro: “Mai vi dimenticheremo!”. Durante i ringraziamenti poi, lui stesso è tornato indietro nel tempo ricordando le tante persone incontrate sul suo cammino, le amicizie nate, le storie condivise, e con umiltà ha chiesto anche scusa per «le battaglie non vinte», per le mancanza che però a dire il vero nessuno ha mai avvertito in questi anni, perché tutti hanno da sempre apprezzato solo la sua gioia, la sua presenza costante, il suo carisma particolare.
“Hai saputo scuoterci, svegliarci, farci ‘riscoprire’ com’è bello essere ‘affamati’ di Dio. Hai saputo puntare il dito contro i pregiudizi. Ti sei addentrato, nelle tue omelie, in discorsi capaci di stimolare le coscienze delle persone. Riempiendoci di te ci hai riempiti di Dio”. Queste alcune parole lette da chi con padre Antonio ha condiviso un cammino gioioso, a volte faticoso, incomprensibile e forse anche doloroso, ma sempre cammino insieme verso un’unica meta.
E allora a lui non un addio, ma un arrivederci, l’augurio vicendevole di continuare un buon cammino anche se la strada si scosta di un po’, ma solo per affiancare un’altra comunità che ha bisogno di guida verso i medesimi traguardi.
Ciao caro Padre Antonio…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.