Home Territorio Liberi. Al Comune i fondi regionali per zona industriale e settore energetico

Liberi. Al Comune i fondi regionali per zona industriale e settore energetico

931
0

Proseguono i lavori, iniziati tra i mesi di maggio e giugno del 2015 e da portare a compimento entro la fine di marzo 2017

liberiLa Redazione | Liberi rientra nella rosa dei comuni della Provincia di Caserta legittimati a beneficiare dei fondi erogati dalla Regione Campania, da investire per i lavori rendicontati entro dicembre 2015.
Per il piccolo paese del Monte Maggiore sono tre gli ambiti interessati dal finanziamento: realizzazione di un centro servizi alle imprese, per il quale sono stati concessi più di 2 milioni di euro; produzione energia rinnovabile, a cui sono destinati più di 23mila euro, e l’efficientamento energetico, per cui sono spettati più di 247mila euro.
Il contributo regionale a cui fanno riferimento i tre progetti rappresenta il prolungamento del Piano Operativo Complementare (POC) per i beni e le attività culturali per le annualità 2016-2017.
I lavori, nello specifico, riguardano la valorizzazione dell’area industriale di Liberi, dove è prevista la creazione di un centro servizi, che funga da punto d’incontro tra imprese, e da coordinamento delle attività svolte dalle aziende, un vero e proprio polo di aggregazione. Proseguono, inoltre, gli interventi inerenti al settore delle energie rinnovabili, secondo i più avanzati sistemi di produzione.
Per quanto concerne l’efficientamento energetico, l’Amministrazione Diana punta al miglioramento dell’impianto energetico appartenente al polo scolastico, opera quasi del tutto completata.
Secondo il parere dei tecnici, lo stato dei lavori si trova ad ora a un livello più che positivo, dal momento che il grosso è stato già portato a termine, tenuto conto che il limite temporale per la conclusione definitiva è stabilito per il 30 marzo 2017.

  • Altro su questi argomenti :
  • Liberi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.