Home Eventi Piedimonte Matese. Una panchina rossa in ricordo delle donne vittime di violenza

Piedimonte Matese. Una panchina rossa in ricordo delle donne vittime di violenza

La posa della panchina, in piazza Carmine, è lo step finale dell'iniziativa promossa da Rotary Club Alto Casertano, in collaborazione con il Centro Antiviolenza Aurora e gli Istituti Superiori di Secondo Grado dell'Alto Casertano

587
0

Sono troppi i casi di maltrattamento delle donne con cui i media costringono a fare i conti ogni giorno. Atti di forza, del tutto gratuiti, che inducono a chiedersi se ad oggi, nel 2019, si possa effettivamente parlare di “progresso dell’umanità”! In una società, in cui vige la tendenza all’agire omologato, a fare perché così si fa, anche il male e quindi la violenza vengono considerati legittimi. La violenza femminile è un cancro che si dimostra sempre più impossibile da sradicare, purtroppo, ma in qualche modo si può intervenire. Il palliativo è la sensibilizzazione: trasmettere, innanzitutto ai più giovani, il valore del rispetto che possa definire una coscienza, individuale prima e collettiva poi.

In quest’ottica s’inquadra l’iniziativa di Rotary Club Alto Casertano Piedimonte Matese, in collaborazione con il Centro Antiviolenza Aurora e le Scuole Superiori di 2° Grado del territorio altocasertano. Sabato prossimo, 16 marzo, alle 10.30, presso l’Aula Magna dell’Istituto Tecnico “De Franchis” si terrà l’incontro incentrato sul tema Donna uguale vita. A seguire, ci si sposterà nella centrale piazza Carmine, dove avverrà la posa in opera di una panchina rossa in ricordo delle donne vittime di violenza. Si tratta dell’ultimo step di un progetto iniziato alcuni mesi fa, che ha visti coinvolti numerosi studenti, ai quali è stato chiesto di partecipare scrivendo frasi sull’argomento.

I dirigenti dei vari istituti hanno raccolto alcuni pensieri, sottoponendoli in seguito all’attenzione di una commissione giudicatrice, che ne ha ricavato una terna, ma solo uno è stato scelto come frase simbolo per gridare “no” alle ingiustizie perpetrate ai danni dell’universo femminile. La panchina verrà collocata alla fermata dei bus adiacente alla Villa comunale, uno dei punti più frequentati specialmente dagli studenti pendolari, che ogni giorno dal loro paese o dalla loro città si mettono in viaggio per raggiungere la loro Scuola nel capoluogo matesino, pronti a sedersi tra quei banchi in virtù dei quali possono testare la loro reale dose di consapevolezza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here