Home Arte e Cultura INTERVISTA / Alife. Maria Pia De Lellis, una passione nostrana chiamata “Musica”

INTERVISTA / Alife. Maria Pia De Lellis, una passione nostrana chiamata “Musica”

Originaria di Castello del Matese, Maria Pia De Lellis oggi vive ad Alife con la sua famiglia e coltiva la sua passione per il canto e la musica. Da domani, 1° luglio, il suo nuovo singolo, "Un giorno migliore", potrà essere ascoltato da tutti sul canale Youtube e nei giorni successivi su altri store digitali

3297
0

Giovanna Corsale – Quanti talenti giovani di “casa nostra” abbiamo incontrato in questi anni? Di sicuro tanti e ognuno capace di distinguersi per la sua straordinarietà. Ragazzi fedeli alla loro passione sino al punto da farne nella maggior parte dei casi ragione di vita, ma anche motivo di sfida personale. Oggi vi presentiamo Maria Pia De Lellis, giovanissima originaria di Castello del Matese ma che vive ad Alife insieme alla sua famiglia dall’età di otto anni, la quale ci racconta il suo amore per la Musica. La maiuscola non è casuale, dal momento che, nonostante la sua giovane età, Maria Pia si muove con curiosità nel mondo musicale e strumentale, confrontandosi con voci note e band famose del panorama italiano e mondiale.

Di seguito vi proponiamo l’intervista che Maria Pia ci ha gentilmente concesso

Maria Pia, quali sono le tue origini? Quanti anni hai?
“Mi posso definire una Matesina doc, poiché sono originaria di Castello del Matese, ma vivo ad Alife con la mia famiglia e ho quasi venti anni.”

Parlaci un po’ della tua formazione: che studi hai fatto e quando è nata la tua passione per il canto e per la Musica?
“L’anno scorso ho conseguito il Diploma presso l’Istituto Alberghiero di Piedimonte Matese, mentre la mia passione per la Musica si sviluppa all’età di sedici anni, quando ho cominciato a studiare canto e a prendere confidenza con la chitarra, l’altra mia grande passione.”

Quali sono i riferimenti musicali a cui ti ispiri?
“Diversi sono gli artisti, per me veri e propri idoli, appartenenti alla scena musicale italiana, ma anche band di fama mondiale che hanno segnato la mia adolescenza e mi accompagnano in questa mia ‘avventura’ ogni giorno: Levante, Calcutta… e, spingendomi oltre i confini italiani, i mitici Nirvana e Beatles.”

Il tuo primo brano inciso s’intitola Via te, dal ritmo agile e piacevole da ascoltare: a quale genere appartiene e cosa puoi dirci sul suo significato? E che riscontro hai avuto?
Via te è il mio primo singolo uscito nel mese di marzo e il suo genere è tra il Rock e l’Indie Rock, membro della stessa famiglia, stili musicali ‘alternativi’ e in voga tra i più giovani. Nel testo c’è una frase che ripeto, come ritornello, ‘Ci pensa il karma’: la posso definire una canzone autobiografica, una riflessione sull’approccio alla vita, ai sogni e ai pensieri, ma anche una sorta di incoraggiamento a combattere. Sono tante le persone che hanno ascoltato questo mio primo singolo, il che mi fa essere più che soddisfatta, ma soprattutto perché la canzone stessa è stata una sorpresa per tutti e per me stessa, perché non avrei mai pensato di registrare qualcosa di mio.”

A fine giugno ascolteremo il tuo nuovo singolo, Un giorno migliore. Qual è il messaggio che vuoi comunicare con questa canzone? Chi ha prodotto il brano?
“Le parole del testo e la melodia, composta con la chitarra, sono opera mia, ma mi tocca ringraziare Francesco Damiani, il quale si è occupato della musica e degli arrangiamenti, e Danilo Leone, che, oltre a contribuire all’arrangiamento, ha curato il mixaggio e il mastering. In questo caso, la frase che ripeto spesso è ‘Persone come fiori nascono dall’asfalto bagnato’: è una similitudine che attribuisco a ognuno di noi, perché tutti abbiamo a che fare con difficoltà e dubbi, che spesso sembrano insormontabili, ma allo stesso modo tutti abbiamo le risorse per affrontarli e superarli.”

Quali dubbi o difficoltà può avere un giovane della tua età?
“Per un giovane, soprattutto nel periodo adolescenziale, tanti sono i dubbi e le difficoltà che possono abitare le sue giornate e che suscitano il lui quella volontà di ribellione che è tipica dell’adolescenza. Spesso non crediamo in noi stessi e tendiamo a reagire alle situazioni facendoci guidare dall’istinto più che dalla ragione, poco inclini ad ascoltare gli altri, poiché crediamo che non sempre accettare il pensiero e le parole altrui sia la cosa migliore”.

Il nuovo brano di Maria Pia, Un giorno migliore, da domani, 1° luglio, sarà fruibile a tutti sul canale Youtube e, nei giorni seguenti, sugli altri store digitali, e noi non vediamo l’ora di ascoltarlo…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.