Home Fatti di versi Fatti diVersi. Suona la campanella, a scuola di “umanità”

Fatti diVersi. Suona la campanella, a scuola di “umanità”

315
0

Giovanna Corsale – Dopo le ferventi settimane riservate all’allestimento degli spazi, il nuovo anno scolastico è partito. Gli studenti italiani si sono ritrovati in aula ‘in mascherina’, distanziati gli uni dagli altri, ma comunque insieme, pronti a condividere un’esperienza forse più complessa ma di sicuro più formativa per la loro personalità, che richiede però una maggiore vicinanza da parte degli insegnanti e responsabilità da parte di ognuno. (Leggi qui per approfondire)

Fatti…
Il 14 settembre nella maggior parte delle scuole italiane la campanella è suonata in 12 regioni e nella provincia di Trento, mentre nelle restanti si è deciso di posticipare l’inizio per completare l’adeguamento dei locali alla normativa anti Covid, come la Campania e la Puglia dove le attività didattiche prenderanno il via da giovedì 24 settembre, all’indomani delle votazioni per il rinnovo del Consiglio regionale e per il Referendum relativo al taglio dei parlamentari. Ritorno in sicurezza per studenti, docenti e collaboratori scolastici, tutti obbligati a mascherine, distanziamento fisico, orari differenziati di entrata e uscita.

…diVersi

Mentre usciva per mettersi in viaggio, un tale gli corse incontro e, gettandosi in ginocchio davanti a lui, gli domandò: «Maestro buono, che cosa devo fare per avere la vita eterna?». Gesù gli disse: «Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, se non Dio solo.Tu conosci i comandamenti: Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non dire falsa testimonianza, non frodare, onora il padre e la madre». Egli allora gli disse: «Maestro, tutte queste cose le ho osservate fin dalla mia giovinezza». Allora Gesù, fissatolo, lo amò e gli disse: «Una cosa sola ti manca: va’, vendi quello che hai e dàllo ai poveri e avrai un tesoro in cielo; poi vieni e seguimi.» (Mr 10, 17-21)

Quello tra Gesù e il giovane ricco è l’incontro tra il discepolo e il maestro, tra colui che ha bisogno di ricevere e colui che ha bisogno di dare. Passano i millenni, si avvicendano ‘corsi e ricorsi storici’, ma questi bisogni restano il motore che traina la crescita della persona e la formazione della personalità. Qual è la ragione dell’andare a Scuola se non costruirsi come persone e prepararsi alla vita? Ma come? Quali atteggiamenti assumere? Il desiderio del giovane ricco è quello di ‘avere la vita eterna’, quello di un giovane di oggi dovrebbe essere invece di maturare una coscienza critica, che lo aiuti a pensare e porre in essere le sue idee, e civile, che gli permetta di sentirsi membro di una comunità. La richiesta della ‘vita eterna’ esprime la vocazione ad amare in modo concreto, e a cosa serve lo studio se non ad imparare a discernere la giusta strada da seguire?

Fatti diVersi. Nella preghiera la risposta al dolore per un’intera comunità

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.