Home Chiesa e Diocesi Diocesi Alife-Caiazzo. Anno pastorale al via, le parrocchie ripartono dalle famiglie

Diocesi Alife-Caiazzo. Anno pastorale al via, le parrocchie ripartono dalle famiglie

Il Covid ha distribuito in un tempo più dilatato la celebrazione delle prime comunioni ancora in corso. Nel frattempo riprendono le attività ordinarie di catechesi per bambini e genitori

354
0

Giovanna Corsale – In numerose parrocchie della Diocesi di Alife-Caiazzo è stato celebrato l’inizio del nuovo anno pastorale: si respira la voglia di riappropriarsi di quella “normalità” che, purtroppo, negli ultimi due anni è stata frenata (ma mai del tutto fermata) dall’imperversare del Covid. Ora però che i numeri della pandemia sono più rassicuranti ovunque, le comunità sono pronte a ripensare sé stesse e a progettare la loro ripartenza, a cominciare dalle attività catechistiche.

In Diocesi, il vescovo mons. Giacomo Cirulli ribadisce l’invito a dare avvio al percorso di catechesi per i bambini, cominciando dal primo passo, ossia la formazione dei genitori, nelle cui mani risiede la responsabilità educativa dei propri figli. Sono tre gli appuntamenti destinati alle famiglie che si svolgeranno tra ottobre e novembre organizzati dall’Equipe diocesana per la formazione dei genitori in seno all’Ufficio Catechistico e finalizzati al confronto sulla personale esperienza religiosa e poi di fede, e in particolare finalizzati alla maturazione del ruolo nella crescita della fede dei propri figli a partire dalla responsabilità assunta con il loro battesimo. Gli incontri con i genitori rappresentano una  tappa imprescindibile dell’esperienza di fede, complessa e delicata, che si concretizza in un impegno destinato a crescere attraverso un nuovo inserimento partecipativo nella comunità ecclesiale di appartenenza. Per questo motivo, agli incontri “autunnali” si aggiunge la proposta del percorso “Accogliere la religione, far crescere la fede” della durata di due anni.
Sono in fase di ripartenza anche i percorsi di preparazione al sacramento della confermazione degli adulti e i percorsi di catecumenato crismale per i più giovani.

Dopo il senso di smarrimento generale e la percezione della precarietà umana dovuti all’emergenza sanitaria, la ripresa delle attività pastorali diventa un’urgenza, che risponde alla volontà di annunciare il Vangelo e sperimentare la presenza di Dio nelle nostre vite. Partecipazione e condivisione tra parroci, genitori e bambini restano i principi a cui uniformare le scelte di formazione cristiana che costituisce un tassello fondamentale nella crescita dei più giovani. Riaffiora, così, nelle realtà ecclesiali quell’entusiasmo che si era assopito, in questo tempo in cui la paura di tornare a nutrirsi di speranza è ancora compagna fedele delle nostre azioni e i nostri pensieri.

Tuttavia, è proprio sulla ferita aperta dalla paura occorre lavorare, individualmente ma soprattutto collettivamente, per “lasciarsi incontrare da Dio”, come suggerisce il documento redatto dall’Ufficio Catechistico Nazionale intitolato Artigiani di comunità, che vuole essere una guida per la catechesi per l’anno pastorale 2021-2022.

Alcuni recenti scatti dalle parrocchie della Diocesi di Alife-Caiazzo

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.