Home Chiesa e Diocesi Alvignano. “Tornare fratelli tutti”, Il vescovo Mons. Cirulli agli alunni dell’Istituto Principi...

Alvignano. “Tornare fratelli tutti”, Il vescovo Mons. Cirulli agli alunni dell’Istituto Principi di Piemonte

Il Vescovo ha celebrato la Messa in occasione dell'apertura del nuovo anno scolastico; presenti alunni, insegnanti, famiglie, i sacerdoti della comunità

1020
0

Come a casa; come tra fratelli quando il più grande ha da raccontare al più piccolo una storia bella di cui è stato protagonista e ne rivela l’emozione, la gioia, le conquiste; e dice come fare, suggerisce come conquistare quella stessa gioia…
Così, come in famiglia è stata la Messa che il vescovo Mons. Giacomo Cirulli ha celebrato nel Santuario dell’Addolorata ad Alvignano con gli alunni e le insegnanti della scuola Principi di Piemonte e le famiglie.
A Messa, dialogando e raccontandosi la bellezza dell’incontro con Gesù che cambia la vita degli uomini: il Vescovo ha scelto questo stile per entrare in contatto con i più piccoli; ha donato ai presenti la sua esperienza di credente, di figlio, di Pastore, di uomo “in cammino come voi…”
L’occasione è stata la consueta Celebrazione eucaristica che all’inizio di ogni anno scolastico l’Istituto scolastico paritario (dal 2013 Fondazione diocesana) riserva ai bambini e ai genitori come momento per affidare al Signore il percorso scolastico che oltre ad essere esperienza formativa è tempo educativo e di crescita nella fede, nella scoperta di Gesù compagno di viaggio anche nella scuola avamposto di esperienze future e più adulte.
Lo hanno confermato i bambini all’inizio della celebrazione: “Desiderosi di camminare insieme con gioia vogliamo ringraziare il signore per i suoi doni…”.

Nella celebrazione, spazio al dialogo fraterno tra il Pastore e i bambini, da lui provocati ad ascoltare la parola di Dio, a coglierne il messaggio; ad aprirsi al dono di dopo, il pane e il vino che sull’altare segno di una presenza vera, concreta per ciascuno, “viene davvero. Ci credete?”, ha chiesto Mons. Cirulli.
Dalla parola di Dio del giorno (“Guai a voi, farisei, che amate i primi posti”, cfr. Vangelo di Luca 11,42-46) ne è scaturita la riflessione per tutti.
Domande e risposte tra vescovo e bambini per mettersi tutti allo specchio, raccontarsi qualche primato per mettere in luce le tante differenze tra gli uomini, quelle che generano divisioni e rotture: “Chi ha più giocattoli? Chi ha i migliori genitori…? Chi è più buono…?” Ha domandato Mons.Cirulli, ottenendo in cambio risposte che hanno evidenziato differenze e pareri diversi, ma anche l’entusiasmo, la lealtà, la libertà che nei più piccoli consente risposte senza calcoli e pregiudizi.
“E com’è invece davanti a Dio…? Per Lui non esiste figlio che abbia di più o di meno, non esiste il miglior è il peggiore… Davanti a lui siamo tutti uguali! Per Gesù nessuno è più importante degli altri perché per tutti ha dato la vita; ed è da questo nasce la fraternità, quella che in questo mondo noi facciamo o molta fatica a vivere”.

Appello alle famiglie, agli adulti educatori e accompagnatori dei loro figli nella vita e nella fede: “il seme buono gettato sul terreno del loro cuore va coltivato altrimenti queste parole, questo loro entusiasmo si perderà tra i rivoli delle tante divisioni che si consolidano in un mondo che sta profondamente cambiando”.

Parole di gratitudine al Pastore da parte del Consiglio di Amministrazione della Fondazione e della Dirigente scolastica Suor Francesca Bortoli riconoscenti della paternità del Vescovo e della cura che la Diocesi di Alife-Caiazzo esprime nei confronti di questa storica Istituzione: “Questa scuola è sorta rispondendo alle povertà del territorio; oggi è diventata parte integrante della popolazione, del tessuto ecclesiale e sociale di Alvignano (…) Grazie Eccellenza, grazie per l’impegno infaticabile a beneficio di questa Diocesi; noi tutti le promettiamo la nostra preghiera”.

Parole di gratitudine anche da parte di Mons. Cirulli: alle insegnanti, al CdA, alle famiglie, al coro parrocchiale e ai bambini che insieme hanno animato la celebrazione eucaristica; ai sacerdoti don Alessandro Occhibove e don Francesco Vangeli. E poi alle Suore salesie per la presenza nel territorio (sono due le comunità di suore presenti nella Diocesi di Alife-Caiazzo), per il servizio reso alla comunità locale, per la disponibilità che la casa religiosa delle salesie continua a manifestare per questa terra ormai da trent’anni.

“Questa scuola, un bene che custodiamo: esso non è nostro, ma della comunità e come tale richiede la cura e l’amore di tutti”, le parole di Suor Francesca che hanno richiamato la bella esperienza di condivisione e partecipazione che ad Alvignano si vive intorno all’Istituto Principi di Piemonte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.