Home Territorio Alife. Continuano a salire i casi Covid19

Alife. Continuano a salire i casi Covid19

Alife rimane il comune dell'area del Matese e della Valle del Medio Volturno con il numero maggiore di contagi, in base al report dell'Asl di Caserta aggiornato al 25 ottobre 2021

2332
0

Giovanna Corsale – Ad Alife sono 39 le persone positive al Covid-19, in base al report reso noto dall’Asl di Caserta il 25 ottobre.
La città al momento è quella che presenta il maggior numero di contagi attuali nel territorio del Matese e del Medio Volturno con 397 casi totali, 346 i guariti e 12 i deceduti dall’inizio della pandemia. Con l’aumento dei casi cresce anche la preoccupazione degli abitanti che si trovano a fare i conti con diversi focolai  e con la difficile gestione di un fenomeno socio-sanitario che specularmente riflette quello dell’intera nazione.
Se c’è una cosa che questi due anni di pandemia hanno insegnato a piccoli e grandi è che abbassare la soglia di attenzione non è proprio possibile. Nelle ultime settimane, infatti, l’Italia è alle prese con una nuova risalita dei contagi da Sars-CoV-2.

I monitoraggi stilati dal Ministero della Salute ci mettono a confronto con una curva epidemiologica che si attesta intorno ai 3.000 casi giornalieri e la crescita di tutti i parametri di valutazione. Nella giornata di ieri (25 ottobre) le nuove positività al Covid sono state 2.535, dato che, a fronte dei 222.385 test, fra molecolari e antigenici rapidi, dimostra che il tasso di positività sia passato da 0,9% a 1,1%. In salita anche il tasso di positività, ossia il rapporto test molecolari e gli antigenici rapidi, che ad ieri era al 4,8% (Fonte ansa.it/saluteebenessere).

A fronte di una situazione delicata, le percentuali su cui bisognerebbe soffermarsi sono quelle relative ai decessi e ai ricoveri ordinari e alle terapie intensive, ambiti che hanno a che fare con numeri assolutamente ragionevoli in tutto il territorio nazionale e questo solo grazie alla vaccinazione. In tal senso, la comunità scientifica ribadisce l’alta percentuale di efficacia che ogni vaccino anticovid prova contro l’infezione, limitando i rischi di conseguenze gravi nelle persone che contraggono il virus. Un aumento consistente si è verificato, tuttavia, anche nel numero dei tamponi e test effettuati, in particolare gli antigenici rapidi, e ciò per effetto dell’introduzione obbligatoria del Green Pass nei luoghi di lavoro avvenuta il 15 ottobre scorso. Dai rappresentanti delle Istituzioni è continua la sollecitazione a tenere comportamenti responsabili verso se stessi e verso gli altri, a conservare le misure precauzionali, ma soprattutto a vaccinarsi, alla luce di una realtà che da un momento all’altro potrebbe sfuggire al controllo di chiunque.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.