Home Territorio Caiazzo ospita otto ragazze di Tunisia e Lettonia. Attività di recupero dei...

Caiazzo ospita otto ragazze di Tunisia e Lettonia. Attività di recupero dei luoghi pubblici per una comunità sociale integrata

Otto ragazze di nazionalità tunisina e lettone, tra i 18 e i 30 anni, insieme a 16 giovani italiani, saranno ospiti della città per l'intero mese di marzo, occupandosi del recupero dei luoghi pubblici a fini sociali secondo il progetto europeo SOGIS

462
0

La città di Caiazzo ospiterà otto ragazze tra i 18 e i 30 anni, provenienti dalla Tunisia e dalla Lettonia, insieme ad altri 16 giovani italiani, i quali si occuperanno di recupero dei luoghi pubblici a fini sociali. Il progetto, denominato SOGIS, è finanziato dai Corpi Europei di Solidarietà, promosso dalla Pro Loco di Caiazzo, patrocinato dal Comune e realizzato in sinergia con l’associazione giovanile Arda Kaiatia di Caiazzo e l’associazione AIPD (Associazione Italiana Persone Down) di Caserta, invitato speciale l’Istituto Comprensivo A.A. Caiatino.

Veduta di Caiazzo

Comunicato stampa – Partito (ndr) il 1° marzo e per tutto il mese SOGIS, il progetto finanziato dai “Corpi Europei di Solidarietà” e che ha lo scopo di recuperare luoghi pubblici a fini sociali. Caiazzo ospiterà otto ragazze, di età compresa tra i 18 e i 30 anni, provenienti dalla Tunisia e dalla Lettonia, insieme ad altri 16 giovani italiani. I 24 giovani si occuperanno di luoghi di socializzazione cittadini per farne luoghi di integrazione sociale. Il progetto presentato e coordinato dalla Pro loco Caiazzo, è patrocinato dal Comune di Caiazzo e sarà realizzato insieme all’associazione giovanile Arda Kaiatia di Caiazzo e all’associazione AIPD (Associazione Italiana Persone Down) di Caserta, invitato speciale l’Istituto Comprensivo A.A. Caiatino.

L’obiettivo principale di SOGIS è quello di contribuire a creare una comunità sociale integrata con particolare riguardo alle fasce più deboli, come i rifugiati e i giovani svantaggiati con disagi economici, fisici, culturali, educativi o geografici. Nello specifico l’iniziativa prevede una prima fase d’aula con attività di ice breaking, team building e team working per creare una formazione di lavoro coesa e collaborativa. Successivamente si prevede la presentazione del programma di lavoro, con attività incentrate sulle aspettative, sui timori e soprattutto sul contributo che ciascun partecipante vuole dare al progetto. Con il supporto dei mentori, i volontari mediteranno sulla learning dimension e sul loro ruolo nello svolgimento delle varie attività.

Le aree su cui si svilupperà l’iniziativa saranno quattro: Area tempo libero, orto condiviso, area esposizione e area esibizione. I luoghi principalmente interessati dalle azioni dei partecipanti saranno Parco della Rimembranza, Parco Santo Stefano e il campetto sito nei pressi della stazione ferroviaria. Ai volontari saranno riconosciuti dei poket money, il rilascio dello youthpass (certificato europeo riconosciuto in tutti I paesi comunitari) e la possibilità di prendere parte a mobilità e iniziative a carattere nazionale e internazionale.

La comunità caiatina, si prepara a vivere un mese intenso fatto di attività di gruppo, socializzazione, accoglienza, divertimento, condivisione e scambi culturali. Il recupero di antichi giochi italiani, lettoni e tunisini, di erbe aromatiche e officinali nonché la condivisione di momenti sportivi aperti alla comunità, sarà al centro delle azioni progettuali, in luoghi votati alla socialità e al tempo libero. L’esperienza del confronto è un’opportunità unica di arricchimento personale e formativo. I ragazzi avranno l’opportunità di allargare i propri orizzonti culturali, abbattendo pregiudizi e stereotipi; lo scambio culturale infatti consente il confronto quotidiano di usi, tradizioni e visione del mondo tra più collettività diverse e lontane sia per collocazione geografica che per storia. La crescita personale derivante da esperienze così significative, porta a vivere le diversità come arricchimento e a pensare, come diceva lo scienziato Albert EinsteinIo appartengo all’unica razza che conosco, quella umana”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.