Home Chiesa e Diocesi Otto per Mille. Ad Alife la parrocchia di San Michele si mobilita...

Otto per Mille. Ad Alife la parrocchia di San Michele si mobilita per la Chiesa Cattolica

Non è mai solo una firma. È di più, molto di più perchè con essa la Chiesa realizza progetti e opere di carità. I volontari parrocchiali si sono dedicati a raccogliere i modelli CU

509
0

Enza Ceniccola* – La parrocchia di San Michele Arcangelo in Alife, guidata dal parroco don Eusebio Swiderek, dà il proprio concreto contributo a “Una firmaXunire“, campagna nazionale che vede la partecipazione di 5mila parrocchie italiane tra cui 12 della Diocesi di Alife-Caiazzo per la raccolta di firme da destinare all’8xMille della Chiesa Cattolica coordinati dall’Ufficio della Diocesi di Alife-Caiazzo che si occupa del servizio Sovvenire.
Dopo un primo appuntamento parrocchiale dedicato alla formazione del Consiglio pastorale e del Consiglio Affari economici della Parrocchia sulle iniziative del Sovvenire della Chiesa Cattolica (così come avvenuto con altre parrocchie della Diocesi di Alife-Caiazzo CLICCA), il 3 luglio Annamaria Gregorio incaricata diocesana, partecipando alle Messe domenicali della parrocchia alifana, con la collaborazione di alcuni referenti parrocchiali ha parlato di 8xMille alla comunità presente: una data scelta per la maggior partecipazione di fedeli in occasione del sacramento di due battesimi e quindi di nuove famiglie della comunità a cui rivolgere questo messaggio.

Un primo momento formativo nella parrocchia di San Michele Arcangelo con alcuni collaboratori parrocchiali

Di circa 1.400 abitanti, la comunità di San Michele, composta da gruppi di famiglie che hanno come punto di riferimento la parrocchia e il parroco, non si è smentita neppure questa volta, dimostrandosi capace di lavorare in sinergia e per il bene della comunità. Dopo aver fornito ai fedeli presenti le informazioni tecniche sulla modalità da seguire per apporre la firma, Annamaria Gregorio ha incentrato il suo discorso sul Vangelo di questa domenica, sulla chiamata dei 72 discepoli per evangelizzare i popoli, arrivando a sottolineare il significato della firma, ovverosia una “scelta di responsabilità per ogni credente”.

Il fondamento teologico del gesto del Sovvenire si rispecchia nell’impegno dei discepoli, i quali dovranno portare avanti la loro missione evangelizzatrice di villaggio in villaggio senza “né sacco, né bisaccia, né sandali”, come dice il Signore, ma solo riponendo assoluta fiducia nell’ospitalità delle famiglie e sempre pronti a partecipare alla vita e a collaborare alle attività della gente del posto. Il sostegno e la cura dei bisognosi e il lavoro sinergico finalizzato alla costruzione del bene collettivo sono alla base del progetto di Sovvenire, richiamandosi appunto allo stile delle primitive comunità cristiane, le quali rendevano ogni cosa come dono da condividere insieme.

L’esperienza vissuta dalla parrocchia di San Michele Arcangelo ha ben coinvolto sia gli operatori pastorali che si sono messi a disposizione per la raccolta delle firme sui modelli CU sia i fedeli presenti alle Celebrazioni interessati al tema e disposti a sostenerne le finalità.

*Referente parrocchiale Sovvenire

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.