Home Chiesa e Diocesi Riprendiamoci le relazioni. Continuano i grest nelle parrocchie della Diocesi di Alife-Caiazzo

Riprendiamoci le relazioni. Continuano i grest nelle parrocchie della Diocesi di Alife-Caiazzo

Cos'è un Grest? Un momento di crescita e di confronto attraverso il gioco ma soprattutto momenti di riflessione sulla vita e sulla fede

693
0
Il Grest a Raviscanina

L’estate rappresenta il tempo del risveglio, quel momento dell’anno che riaccende il piacere di stare insieme. Estate è voglia di condividere e, perché no, di intraprendere nuove amicizie e l’oratorio diventa così la cornice ideale per tutto questo, luogo sicuro e accogliente dove l’esperienza di crescita di bambini e ragazzi s’intreccia con quella di volenterosi animatori, i quali scelgono di mettere a disposizione il proprio tempo, generosamente, ma soprattutto consapevolmente. Dopo il lungo “riposo” forzato causato dal Covid, numerosi oratori parrocchiali hanno riaperto le porte ai giovani, lanciando loro l’invito a partecipare alle tante e variegate attività del Grest. Il tema scelto per le parrocchie delle Diocesi di Alife-Caiazzo, insieme a quella di Teano-Calvi, guidate dal vescovo Giacomo Cirulli, è la vita del profeta Giona, raccontata nell’Antico Testamento, che quest’anno sta fungendo da bussola per tutti quelli che hanno scelto l’esperienza del Grest. Due mesi, quelli di luglio e agosto, che stanno vedendo come protagonisti educatori, animatori, parroci, catechisti, famiglie e tutti coloro che hanno deciso di vivere un’arricchente avventura estiva.

Il Grest ad Alvignano

Le attività e il metodo (perché un Grest non si improvvisa).
Pontelatone, Treglia, Alvignano, Alife, Dragoni e a macchia di leopardo numerosi altri centri della Diocesi di Alife-Caiazzo hanno dedicato una fetta di tempo estivo alla formazione dei bambini del Grest. Formazione, esattamente, non solo gioco, ma attraverso di esso, alternato a momenti formativi e spirituali seguendo un unico percorso, si formano le coscienze, si cura la fede dei più piccoli, si indirizza la vita secondo il Vangelo. Non un passatempo, il grest, ma un’esperienza; un incontro tra orizzonti diversi (perché in oratorio si è in tanti); un felice momento di scambio; un tempo per accogliersi tutti, per scoprire l’originalità di ciascuno e il dono che ognuno può essere per l’altro. Intense le relazioni durante un grest perché tutto concorre ad essere veri, a mostrarsi senza maschere, a raccontarsi. C’è un metodo dietro queste attività formative, ci sono contenuti e dinamiche psicologiche; ci sono obiettivi sia per la dimensione umana che spirituale dei partecipanti ma soprattutto la formazione di chi coordina e guida i tanti ragazzi che è avvenuta nelle settimane che precedono il grest (la maggior parte di educatori e animatori viene da esperienze che durano da anni per l’intero corso dell’anno pastorale). In poche parole c’è cura per se stessi e l’altro, possibilmente senza sbavature.

Abbiamo raccolto un po’ di foto che testimoniano il gran clima di festa che si è respirato e ancora si respira nelle nostre parrocchie. Basta un clic e poi un altro (secondo le indicazioni) per visualizzare nel modo migliore lo scatto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.