Home Chiesa e Diocesi A Ruviano l’incontro sul “Sovvenire”. Come dare una mano alla Chiesa e...

A Ruviano l’incontro sul “Sovvenire”. Come dare una mano alla Chiesa e perché

Continua il percorso itinerante nelle Parrocchie della Diocesi di Alife-Caiazzo per formare i fedeli: sostenere le attività della Chiesa Cattolica è favorire progetti e cantieri nelle piccole realtà locali

761
0

Annamaria Gregorio* – Nel mese di dicembre, il percorso itinerante del “Sovvenire” ha toccato le quattro foranie della nostra diocesi: forania di Alife, forania di Alvignano, forania di Piedimonte e si conclude nella forania di Caiazzo, ospiti della Parrocchia San Leone Magno di Ruviano, curata dal sacerdote Don Antonio Chichierchia, che fin dal primo momento, è stato interessato a partecipare al progetto “Uniti nel dono”, invitando gli organismi pastorali, con il referente parrocchiale Giovanni Palazzo, ad attivarsi per sensibilizzare la comunità al sostentamento del Clero, e per realizzare anche un incontro specifico sulla formazione lo scorso 15 dicembre 2022, curato ed animato dall’incaricato diocesano di Alife-Caiazzo.

Nel giorno prestabilito, accompagnata sul posto dal referente parrocchiale, percorrendo le strade che conducono alla destinazione, si è potuto ammirare un paesaggio collinare verdeggiante con colture di viti ed ulivi, posto nel nord-est della provincia di Caserta, sulla riva sinistra del Volturno, dove è situata la ridente cittadina di Ruviano, già Raiano nell’antichità, con alle spalle origini storiche rilevanti. Come per tutte le piccole realtà comunali, il vantaggio è quello di conoscere un po’ tutti; ci sono gruppi di famiglie, che da sempre hanno come punto di riferimento la parrocchia, riuscendo ad essere molto in sinergia, collaborando per il bene della comunità.

A conclusione della S. Messa vespertina delle 17.00, nella chiesa parrocchiale, dopo aver allestito le attrezzature, si è dato inizio con la proiezione e spiegazione di un PowerPoint, trattando argomenti come il senso di comunità e di appartenenza alla realtà ecclesiale, soprattutto alla luce dell’unificazione della realtà diocesana di Alife-Caiazzo in persona Episcopi con quella di Teano-Calvi e del recente affidamento a mons. Giacomo Cirulli della diocesi di Sessa Aurunca in qualità di Amministratore.

Il senso di unione, di comunione e appartenenza ad una Chiesa più grande per la quale profondere impegno e passione sono valori che il cristiano deve fare propri.

Si è passato poi ad illustrare i fondamenti teologici e i valori del Sovvenire, tratti anche dal testo della Conferenza Episcopale Italiana di qualche anno fa Sovvenire alla necessità della chiesa, corresponsabilità e partecipazione dei fedeli”: attraverso alcuni passi del Vangelo, è stata riportata l’importanza della vita condotta da Gesù e dai suoi discepoli e dalle prime comunità cristiane, da emulare come riflesso della nostra nuova comunità, per far comprendere che tutte le attività della chiesa, anche quelle del sostegno, derivano dall’interpretazione delle Sacre Scritture e quindi non bisogna mai dimenticare questi valori che vengono ribaditi e ricordati anche nell’incontro.

A seguire le iniziative di quest’anno, proposte dall’Ufficio nazionale, collegate alle Giornate nazionali, “Una firma per unire” e “Uniti nel dono”, specificando per entrambe anche le informazioni di carattere puramente tecnico-fiscale, sia per quanto riguarda il valore della firma per la destinazione dell’otto per mille alla Chiesa cattolica, sia per quanto riguarda l’erogazione liberale a sostegno dei sacerdoti con la deducibilità fiscale. Questo ovviamente attraverso delle maggiori spiegazioni che hanno potuto informare meglio tutta la comunità.

La visione del video L’ABC del Sovvenire ha portato poi alla migliore comprensione anche della normativa da cui giuridicamente discende il rapporto tra lo Stato e la Chiesa e soprattutto di questo senso di corresponsabilità, comunione e partecipazione che deve esserci fra tutti i fedeli.

Le persone presenti hanno dimostrato interesse per gli argomenti sviluppati, ricevendo maggior chiarezza. Si spera in ulteriori sviluppi per il prossimo anno, per poter meglio diffondere lo spirito di comunione e sensibilizzare maggiormente al sostegno economico alla Chiesa Cattolica.

*incaricato diocesano del Sovvenire

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.