Home Chiesa e Diocesi “La scuola dove ti senti a casa”: la Fondazione Principi di Piemonte...

“La scuola dove ti senti a casa”: la Fondazione Principi di Piemonte di Alvignano nei commenti dei genitori

L'unica Scuola cattolica nel territorio della Diocesi di Alife-Caiazzo: risorsa di valori all'attenzione del vescovo Giacomo Cirulli. Le famiglie la scelgono perché - dicono - oltre alla didattica c'è cura per ogni singolo bambino

1522
0

“In questa scuola è come sentirsi a casa”: parole così ed altre simili mettono d’accordo alcuni protagonisti che abbiamo ascoltato per un parere sulla Scuola Principi di Piemonte di Alvignano. Si tratta di alcuni genitori (anch’essi un tempo alunni nelle stesse aule) che hanno scelto questo luogo per la formazione dei figli; parlano anche una giovanissima ex allieva, Carlotta, e la Dirigente Suor Francesca Bortoli.
Un antico polo educativo e formativo che corre indietro nel tempo, a oltre 150 anni fa, in cui si sono alternate diverse presenze religiose femminili allo scopo iniziale di formare e assistere i più bisognosi e con l’obiettivo, poi rivisitato  – in risposta alle mutate esigenze sociali – di continuare ad essere luogo deputato alla formazione scolastica e umana aperto a tutti, non senza le dovute e particolari attenzioni alle famiglie più bisognose che desiderano far crescere i propri figli in questa “casa”: rimane tuttavia la fedeltà al progetto iniziale dei fondatori di questa grande opera sociale. Un valore che le è riconosciuto non solo dagli alvignanesi ma anche da generazioni di persone e famiglie residenti nei comuni limitrofi.
Dici “l’Annunziata di Alvignano”, altura che sovrasta di poco il paese, e dici un luogo onnicomprensivo di storia, di fede, di volti, iniziative che caratterizzano la Scuola Principi di Piemonte e l’attiguo Santuario dell’Addolorata, antico luogo di culto che riunisce l’intera popolazione nel nome di Maria.

Si è appena concluso il periodo previsto per le iscrizioni al prossimo anno scolastico: ogni famiglia ha scelto o confermato dove mandare i propri figli pensando ai servizi che una scuola offre; all’offerta didattica, alla comodità logistica… Per la Scuola Principi di Piemonte la proposta si allarga ai contenuti educativi di una scuola cattolica che ogni giorno compie lo sforzo di incarnare – insegnanti e collaboratori sono i primi responsabili di tutto ciò – uno stile che si specchia nel Vangelo traducendosi nelle proposte che educano all’amicizia, alla carità, al rispetto dell’ambiente, alle relazioni solidali, alla cittadinanza, al senso di comunità; il tutto attraverso attività didattiche ad hoc. Vita e Vangelo qui si corrispondono, si guardano; il “fare scuola” si incrocia con la proposta cristiana che è riferimento per la vita. Qui vita e vangelo procedono insieme con delicatezza ed equilibrio ma anche profondo rispetto per chi non vive le medesime sensibilità; questo fa sì che la Scuola sia scelta anche da famiglie di altre confessioni religiose che vi riconoscono il clima di rispetto, accoglienza e integrazione che si coltiva.

Per i più piccoli è disponile la Sezione primavera; poi la Scuola dell’Infanzia; e infine il quinquennio della Primaria dove alla didattica e all’insegnamento delle materie di base si aggiungono regolarmente per l’intero anno scolastico musica, lingue straniere (inglese e spagnolo), educazione motoria, affidate esclusivamente a docenti esperti (e non all’insegnante di classe) per consentire una più completa e globale preparazione degli alunni; uscite didattiche, laboratori, escursioni. A questo si aggiungono momenti formativi per i genitori con cadenza periodica.

 La Storia in breve. Dall’Istituto alla Fondazione diocesana 
Dal 2013 l’Istituto Principi di Piemonte, affidato alla gestione delle Suore di San Francesco di Sales dal 1989 (in precedenza erano state le Suore dell’Immacolata d’Ivrea) è divenuto Fondazione della Diocesi di Alife-Caiazzo; da dieci anni infatti è venuto meno il vincolo con le Amministrazioni Comunali che per disposizioni legislative entravano a far parte del Consiglio amministrativo delle Ipab (così era denominato l’Istituto, ossia Istituto Pubblico di Assistenza e Beneficenza secondo un Decreto Regio del 1923 che regolava la vita degli Istituti di assistenza per l’infanzia). L’essere fondazione diocesana ha ulteriormente rafforzato il legame di fiducia e di stima tra questa casa e i Vescovi della Diocesi di Alife-Caiazzo che si sono alternati, tanto da farne negli ultimi vent’anni luogo privilegiato per numerose attività pastorali. Non cambia la storia con il Vescovo Mons. Giacomo Cirulli particolarmente attento al presente e al futuro di questa scuola affinché le famiglie che vi accedono continuino a trovare qualità, proposte e risposte. Si tratta dell’unica Scuola.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.