Home Scuola Piedimonte Matese. Gli studenti dell’Industriale presso Alfa Romeo e ACEA: progresso, lavoro...

Piedimonte Matese. Gli studenti dell’Industriale presso Alfa Romeo e ACEA: progresso, lavoro e sostenibilità ambientale

I giovani della 3A dell'indirizzo "Meccanica Articolazione Energia" hanno raggiunto i due importanti stabilimenti nell'ambito dell'alternanza scuola-lavoro

1273
0

Angela Cinotti – Mercoledí 22 marzo gli alunni della classe 3A dell’indirizzo Meccanica Articolazione Energia dell’Istituto Industriale di Piedimonte Matese, nell’ambito dei  percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento, piú noti con l’acronimo  PCTO o alternanza scuola-lavoro hanno effettuato, accompagnati dai docenti Gianluca Martini, Tommaso Littera e Maria Rosaria Langellotti, due visite guidate che hanno consentito loro di vedere praticamente come i temi dell’automazione e dell’energia che affrontano quotidianamente nel loro percorso di studi siano non solo strettamente connessi ma anche come sia possibile far convivere produzione industriale all’avanguardia, risparmio energetico e basso impatto ambientale.

La giornata è iniziata con la visita allo stabilimento dell’Alfa Romeo di Piedimonte San Germano, afferente alla STELLANTIS di Cassino la cui direzione ha dato disponibilità alla visita degli studenti dell’Istituto matesino che hanno potuto seguire la linea di produzione di automobili top di gamma come Giulia, Stelvio e Maserati.

Nel corso della visita gli studenti hanno avuto modo di verificare come l’organizzazione dello stabilimento sia innovativa sia per la qualità del lavoro dei dipendenti sia in termini  di risparmio energetico e impatto ambientale in quanto parte dell’energia consumata nel processo di produzione viene autoprodotta.

La giornata formativa è proseguita con la visita  al Termovalorizzatore ACEA di San Vittore del Lazio. Qui gli studenti hanno potuto assistere al processo di trasformazione all’avanguardia attuato nel sito in cui dai rifiuti viene generata energia pulita lasciando intatto l’ambiente circostante. A riprova di questo ai ragazzi è stata spiegata la funzione dell’allevamento di api posizionato nei pressi dell’impianto con lo scopo di dimostrare proprio l’assenza di emissioni nocive derivanti dai processi di combustione che avvengono al suo interno.

E’ noto, infatti, che le api sono impiegate come sentinelle, “markers” dell’ambiente, perché altamente sensibili ai cambiamenti ambientali determinati da agenti inquinanti. Le variazioni nella qualità dell’aria e dell’ambiente e l’incremento di sostanze inquinanti si ripercuotono rapidamente sulla qualità del miele e della cera prodotti nonché direttamente sulla vita delle api stesse. L’allevamento nei pressi dell’impianto non ha avuto problemi di nessun genere a  conferma della correttezza di funzionamento dell’impianto.

A margine dell’incontro all’Istituto è stato anche proposta l’adesione, che sarà formalizzata dal dirigente scolastico Nicolino Lombardi, al progetto Sostenibilità e territorio che richiama l’obiettivo n.12 dell’Agenda Onu 2023, “consumo e produzione responsabile”. Il progetto mira a diffondere l’educazione alla gestione sostenibile delle risorse naturali con un approccio responsabile e consapevole al loro consumo.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.