Home Chiesa e Diocesi Madonna di Pompei. “La supplica ci spinge ad essere operatori, artigiani di...

Madonna di Pompei. “La supplica ci spinge ad essere operatori, artigiani di pace”, così il card. Zuppi

"Questa casa, di preghiera e di carità, questa città di pace ci viene in aiuto", prosegue il card. Matteo Zuppi, arcivescovo di Bologna e presidente della CEI, nell'omelia della messa che precede la Supplica alla Vergine del Rosario di Pompei

763
0
Foto Santuario di Pompei

Gigliola Alfaro – “La supplica ci spinge ad essere operatori, artigiani di pace”. Lo ha sottolineato, stamattina, il card. Matteo Zuppi, arcivescovo di Bologna e presidente della Cei, nella sua omelia a Pompei, nella messa che oggi precede la supplica alla Beata Vergine del Rosario. “Questa casa, di preghiera e di carità, questa città di pace ci viene in aiuto. Qui – ha evidenziato il porporato – tutto parla di amore perché, come ha saggiamente scritto il vostro caro vescovo Tommaso, è ‘città mariana’, non solo un insediamento ben riuscito, ma un ‘punto luce proiettato sullo scenario del mondo’. Intorno a questa casa nasce e può sempre rinascere la città degli uomini, perché la fede cambia la vita, restituisce vita e futuro al mondo intero! Un granellino di fede! Il mio, il mio seme è l’inizio di un mondo nuovo!”.

Così “Bartolo Longo, laico, innamorato di Maria, costruisce una città non più spenta e nascosta dalla cenere del male, ma una ‘Nuova Pompei’, dove il più debole trova accoglienza e speranza. Longo coinvolgeva tanti umili e forti – ha ricordato il presidente della Cei -: Giuseppe Moscati, fra Ludovico da Casoria, Caterina Volpicelli, don Pasquale Uva, don Carlo de Cardona, don Francesco Mottola. La santità è frutto di santità e trasmette santità, strada per costruire qualcosa di grande, perché santo non è il perfetto ma chi è pieno dell’amore di Dio. Non può esserlo ognuno di noi, con il dono che è e che scopre spendendolo e aiutando questa Madre? Papa Francesco parlò dei ‘cristiani troppo puliti che hanno tutte le verità, ma sono incapaci di sporcarsi le mani’”.

Il card. Zuppi ha avvertito: “La verità di Gesù è il suo amore che si sporca le mani con l’uomo mezzo morto che quel bandito terribile che è il male spoglia di tutto. Quell’uomo è sempre il nostro prossimo, spogliato dalla guerra, dalla malattia, dalle fragilità come quella psichica o dalla prigione della solitudine”. In questo, ha detto il porporato, “ci aiuta il Santo Rosario, preghiera per tutti, insistente, che ci fa vivere i misteri di Cristo in compagnia di sua madre e della Chiesa”.

Fonte SIR Foto Santuario di Pompei

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.