Home Cinema Un colpo di fortuna: Woody Allen ne fa 50 (di film) e...

Un colpo di fortuna: Woody Allen ne fa 50 (di film) e forse dice addio alla macchina da presa

Presentato fuori concorso alla Mostra del Cinema di Venezia, è al cinema dal 6 dicembre

359
0

Noemi Riccitelli – Ebbene sì, 50 film.
Woody Allen, regista e sceneggiatore statunitense, un riferimento per la cinematografia contemporanea, torna al cinema con il suo 50esimo titolo, Un colpo di fortuna (Coup de Chance), già presentato fuori concorso all’ultima Mostra del Cinema di Venezia.
Allen, noto per la sua ispirazione sempre originale, con storie in cui i protagonisti fanno i conti al tempo stesso con la drammaticità e le folli, belle e inaspettate sorprese cui la vita pone di fronte, ambienta questo nuovo racconto a Parigi (dove già si è svolto il suggestivo Midnight in Paris), scegliendo inoltre di girare il film per la prima volta interamente in lingua francese.
Un colpo di fortuna è al cinema dal 6 dicembre, con un cast tutto d’oltralpe: Lou De Laage, Melvil Poupaud, Niels Schneider, Valerie Lemercier.

A Parigi, Jean (Melvil Poupaud) e Fanny (Lou De Laage) sembrano avere tutto dalla vita: sono innamorati, hanno entrambi un bel lavoro, sono circondati da amici.
Tuttavia, l’idillio coniugale si incrina quando Fanny incontra per caso un suo ex compagno di scuola, Alain (Niels Schneider), il quale le confessa di aver sempre avuto un debole per lei.
I due iniziano a frequentarsi sempre più spesso, fino a destare i sospetti di Jean, che decide di agire a sua volta.

Ricreare le atmosfere uniche delle città, quelle europee in particolare, è una delle abilità di Woody Allen: grazie anche e soprattutto al lavoro del “suo” direttore della fotografia, l’italiano Vittorio Storaro, il regista riesce sempre a far addentrare lo spettatore nel vivo dell’ambiente, coinvolgendolo e coccolando l’occhio con una palette di colori unica, catturando l’identità del luogo.

Anche in questo caso, è così, ma in Un colpo di fortuna, le calde nuances autunnali di Parigi sembrano quasi stonare con la trama del racconto, allontanandosi così dalla capitale francese della Belle Epoque in cui Owen Wilson e Marion Cotillard vagano sognanti, parlando di sentimenti e desideri, e avvicinandosi invece, ad un certo punto, al clima teso della Londra di Match Point, in cui il caso e la trasgressione si insinuano nelle vicende.
Infatti, passione e thriller caratterizzano la sceneggiatura (curata da Allen stesso), in cui il tema centrale è la casualità sì, che si pone in quella tipica commistione di spirito e dramma, colpi di scena, arguzie testuali e mimiche che rendono la visione vivace e mai noiosa.
Il cast si dimostra tutto bene in parte, assecondando con grazia e savoir faire i personaggi interpretati, rendendo intriganti i loro profili.

Voci di corridoio (o di sala, in questo caso) affermerebbero che Un colpo di fortuna possa essere l’ultimo film di Woody Allen, ma chi può dirlo?
Almeno fino al prossimo film.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.