Home Chiesa e Diocesi Natale tra le parole “pace e guerra”. L’invito del Vescovo Cirulli allo...

Natale tra le parole “pace e guerra”. L’invito del Vescovo Cirulli allo stupore e alla testimonianza che fu dei pastori

Il vescovo Giacomo Cirulli ha celebrato nelle Cattedrali di Teano, di Alife e di Sessa Aurunca toccando nella festa di Natale le tre comunità dell'alto casertano da lui guidate

396
0

“Natale e Pace. Il binomio più facilmente in uso in queste giornate di festa e di auguri corrisponde veramente alla realtà? Tutto intorno a noi non è sereno e non è in pace”, il riferimento del Vescovo Giacomo Cirulli alle gravi situazioni di guerra nel mondo: la tensione in Europa tra Ucraina e Russia e in Terra Santa tra Israele e Hamas; ma anche esplicito riferimento alle tensioni di cui ognuno è protagonista a modo suo nei rapporti umani, e chiama in causa l’aggressività che spesso contraddistingue lo stile delle relazioni “anche attraverso i mezzi meravigliosi della comunicazione che abbiamo a disposizione e usiamo in maniera poco pacifica”.

Sono le parole rivolte ai fedeli nella Cattedrale di Alife nella Messa della mattina di Natale dove ritornerà anche il 1 gennaio, solennità in cui la Chiesa celebra Maria Madre di Dio. Ha celebrato il 24 sera nella Cattedrale di Teano e il 25 sera in quella di Sessa Aurunca, incontrando così tutte le comunità delle Diocesi dell’alto casertano da lui guidate.

Ma in risposta a questo Natale tanto diverso da come l’umanità desidera, “torniamo a celebrare l’intervento di Dio nella Storia; un intervento che è presenza e pace in mezzo a noi. Non un’assenza ma l’incarnazione: l’inizio di un tempo nuovo che nel Dio fatto uomo diviene vita vissuta, morte e risurrezione perché la nostra condizione potesse profumare di vita eterna e farci una sola umanità”. Mons. Cirulli ricorda il significato intrinseco della Celebrazione poi affida alla forza della Sacra scrittura il percorso e il mandato che ogni Natale riconsegna ai credenti: “il racconto della nascita attraverso i Vangeli, in un contesto di luce soffusa che quasi ci immerge nei fatti, ce li fa osservare, ci mette nella scena aiutandoci a vedere ciò che accade;  l’interiorizzazione a cui ci porta l’evangelista Giovanni nel suo Prologo, che è un percorso di fede ben più intenso e maturo”: il Logos del brano giovanneo riunisce l’intera storia creatrice dell’uomo: la parola è fine ultimo di tutte le cose, genera ogni cosa, ordina sapientemente il mondo, è luce, è Gesù Cristo. E in ultimo il richiamo “pastorale”, quello dell’impegno, che coinvolge i credenti nell’esperienza dell’annuncio “così come fu dei pastori che si fidarono degli angeli, si misero in cammino, andarono, videro il Bambino e tornarono indietro annunciando ciò che avevano visto”. Dapprima stupiti furono in grado di stupire con la loro testimonianza e una credibilità spoglia di ogni artificio se non la sola loro vita, di essenziale, di umana povertà.
Natale interroga, provoca, rimette al centro la Luce, torna a chiedere il conto ai credenti sull’impegno personale compiuto nel cammino di fede, nel cammino per la pace.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.