Home Sport Il Matese si tinge di rosa. I dettagli sul traguardo del Giro...

Il Matese si tinge di rosa. I dettagli sul traguardo del Giro d’Italia a Bocca della Selva

Frequenti i passaggi del Giro nella località matesina, l'ultimo il 15 maggio 2021. Quest'anno in programma ventuno tappe per un totale di 3.400,8 km sui pedali; 44.650 metri di dislivello ed una media oraria di 161 km. Dirette televisive in 200 paesi del Mondo. Il Giro d'Italia cresce nei numeri e nei benefici per le città che ospitano la Gara.

798
0
Il Giro d’Italia nel 2009 transita per Piedimonte Matese. È l’edizione numero 100 della corsa rosa

Sarà il traguardo della decima tappa del Giro d’Italia 2024: il Matese, martedì 14 maggio, accoglierà la carovana del Giro e i ciclisti in gara in un percorso che da Pompei a Bocca della Selva, località montana nel comune di Cusano Mutri (BN). Toccando Nola e Montesarchio, il tappone appenninico si prospetta ricco di sorprese: la freschezza degli atleti in gara garantirà la sfida che tutti si attendono lungo il percorso di 142 km, con un primo Gran Premio della Montagna a Camposauro e il secondo sul traguardo a quota 1392 mslm.

La manifestazione sportiva che in ogni primavera attraversa l’Italia, concedendo a chi partecipa e agli spettatori da casa un tour tra città e paesaggi, quest’anno parte dal Piemonte coprendo la distanza da Venaria Reale a Torino per poi riscendere lungo lo stivale sfiorando la costa tirrenica e toccando l’appennino centrale; quella di Pompei-Cusano Mutri sarà la tappa più a sud d’Italia; dal giorno seguente il Giro proseguirà in direzione nord attraversando la fascia costiera adriatica per poi dedicare le ultime tappe alle grandi cime dolomitiche e concludere con il percorso Alpago-Bassano del Grappa del 25 maggio. Passerella e premiazione a Roma il giorno seguente su un circuito di 126 km. Fatta accezione della tappa campana, Italia del Sud ed Isole completamente fuori dalla competizione: peccato per la mancata visibilità concessa a larga parte del Paese, scrigno di tesori d’arte e suggestivi luoghi naturalistici ma anche significativi percorsi tecnici che il Giro sa mettere in mostra davanti alle tv del mondo intero.

 Tutti i dettagli per chi vorrà godersi l’arrivo 
Ma torniamo a Bocca della Selva, dove al di là del traguardo sito nel comune di Cusano Mutri, la località montana ricade in buona parte nel comune di Piedimonte Matese con cui è collegata attraverso il valico di Sella del Perrone e la Strada Provinciale 231 che toccando località Miralago raggiunge i comuni pedemontani: prevista pertanto massiccia affluenza di sportivi e curiosi. Dopo l’arrivo e la premiazione di tappa i ciclisti scenderanno con le ammiraglie nel centro urbano di Cusano Mutri dove avrà sede l’Open Village, il villaggio del Giro d’Italia riservato ad area commerciale a cura degli sponsor e in cui verrà allestito un maxi schermo. In via Fuci (edificio scolastico) ci sarà il Quartier Tappa in cui prenderanno posto 130 giornalisti (Giuria, Direttore di gara, Rcs Sport e Gazzetta dello Sport). Le scuderie dei corridori saranno posizionate in via dei Bersaglieri.
Gli accrediti per giornalisti, fotografi e TV locali verranno effettuati presso l’edificio “Ex Giudice di pace” sito in Cerreto Sannita.
L’arrivo dei ciclisti sarà preceduto dal “Giro E” che anticiperà la corsa di due ore: si tratta di una gara tra 16 atleti professionisti che in sella a bici elettriche percorreranno il tratto da Benevento a Bocca della Selva. Seguirà il passaggio della carovana del Giro d’Italia con venti carri.  Per chi vorrà seguire la tappa in Tv, la diretta partirà alle 8.00 su Rai Sport e proseguirà dalle 13 sulle altre reti Rai fino a dopo le 18.00.

Alla vigilia dell’evento, mentre fervono i preparativi per accogliere il Giro, il commento del sindaco di Cusano Mutri Giuseppe Maria Maturo consapevole del ritorno d’immagine che ogni tappa del Giro genera a vantaggio delle comunità locali: “Sarà una giornata di indimenticabile per Cusano. Un grande momento di sport, di festa e di condivisione. Avremo, letteralmente, gli occhi di tutto il mondo puntati addosso. Stiamo lavorando affinché tutto vada alla perfezione e ancora una volta Cusano possa essere presa a modello di efficienza ed organizzazione”.

Curiosità. Le foto in questo articolo ci riportano al 2009 quando il giro transitò per Piedimonte Matese in occasione della tappa Foggia-Guardia Sanframondi (BN). Era l’edizione “numero cento” della corsa rosa che vide la vittoria di Menchov, seguito da Basso e Sastre Candil. Dopo la conclusione del Giro tre corridori incapparono nella rete del doping. Tra questi Di Luca e Pellizzotti, rispettivamente 2° e 3° classificati. Quando dopo un anno vennero ufficializzate le decisioni del TAS tutte le classifiche furono sconvolte e cambiarono i vincitori di tre tappe. Fu l’ultima edizione da telecronista per conto della Rai di Auro Bulbarelli, promosso a vicedirettore di Rai Sport.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.