Home Attualità Dalle vigne alle cantine. In attesa del vino nuovo

Dalle vigne alle cantine. In attesa del vino nuovo

860
0

Il vino bolle e si prepara ad affrontare le tavole d’inverno delle nostr ecase. Dalle cantine Mattei le ultime fasi della vendemmia

Clicca qui per il REPORTAGE FOTOGRAFICO

Continua… 

Ancora in mezzo ai tralci a recidere qualche grappoli rimasto attaccato alla sua vite. La vendemmia della famiglia Mattei, dopo lunghi giorni all’aria aperta, sotto il sole di settembre, ora continua all’ombra e al fresco delle cantine.
Siamo in località Madonna del Bagno, nel comune di Gioia Sannitica, dove Luigi Mattei ci ha mostrato il lavoro della sua famiglia, dedita da anni alla viticoltura e brava per aver recuperato la produzione di alcuni grappoli come il Piedirosso. La salubrità dell’aria e di queste terre fanno parte di una storia lontana e di una realtà cara ai Borboni, esperti e conoscitori delle migliori qualità di vino. Continua ad essere fuore all’occhiello del Matese il Pallagrello e la Falanghina di queste colline. “La pigiatura ci ha già dato un buon mosto – spiega Luigi. La decantazione è ormai avviata e durerà per mesi finchè il prezioso succo non sarà raffinato”. Severe e accurate “puliture”, ogni quindici giorni, senza che il vino sia stressato, raffineranno il succo d’uva. “Il primo vino lo troveremo sulle nostre tavole già a Natale, ma per quello migliore, quello pregiato non temeremo di attendere qualche anno”. Sapori forti e pungenti al palato, caldi e rasserenanti, sapori di famiglia. la famiglia Mattei da un pò di tempo è anche garanzia di un’attenta selezione e del commercio di prodotti alimentari del territorio: miele, taralli e altra gastronomia facilmente accostabile alla selezione di vini. Tatto e palato oltre all’amore per questa terra. Sono i passi fondamentali di ogni viticoltore. “Saper scrutare la vigna e percepierne la sofferenza, il peso dell’aridità e del sole, il peso delle troppe piogge”. Luigi parla con dedizione e padronanza. “La vite ha in sè la vita e tende a resistere nonostante tutto. Il nostro compito e accompagnarla in questo percorso. Questa estate dopo le prime piogge, il sole di agosto ha inferto una notevole sofferenza ai grappoli troppo pesanti e troppo esigenti nei confronti delle viti: in questi casi siamo costretti a recidere e a selezionare solo le parti migliori”. Settembre ha ristabilito nelle vigne il giusto equilibrio tra le attese dell’uomo e i frutti di queste terre. Negli alti serbatoi d’acciaio refrigerati la temperatura del mosto è tenuta costantemente sotto controllo. Presto sarà il tempo delle selezioni, e di alcune pregiate miscele che impreziosiranno le tavole dell’inverno che arriva.

Leggi la prima parte del racconto che abbiamo pubblicato qui

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.