Home Attualità Bocca della Selva. Tutto come prima?

Bocca della Selva. Tutto come prima?

1491
0

Impianti fermi e ormai inutilizzabili nella località montana, il Comune intanto riqualifica l’area

 Bocca della Selva-2012
Bocca della Selva-2012

La Redazione – Neve sulle cime, ma solo da guardare. Si prospetta così la stagione invernale matesina, senza la possibilità di veder funzionare gli impianti di risalita della stazione sciistica di Bocca della Selva. Sulla scena locale si è già affacciata la curiosità, la richiesta dei cittadini e sportivi, appassionati della montagna in genere e dello sci, in merito alla funzionalità e fruibilità del complesso sciistico di Bocca della Selva, ormai fermo da tempo.
Al fine di avviare un processo di riqualificazione dell’area, il comune di Piedimonte, già la scorsa primavera avviava una Risoluzione Contrattuale anticipata con la ditta Impianti Scioviari del Matese srl che deteneva la gestione degli impianti e del fondo. “Si è trattato di una soluzione d’emergenza e di fondamentale necessità – ha dichiarato il sindaco Vincenzo Cappello – al fine di procedere ad un primo ripristino dell’area. Grazie ad un finanziamento del Parco regionale del Matese, abbiamo ottenuto la somma di 500mila euro per la riqualificazione degli spazi di prima accoglienza”. Si tratta del rifacimento e riqualificazione del rifugio, dei servizi igienici, dell’area pic-nic e dell’area parcheggio, che però richiederanno tempi lunghi rispetto invece all’esigenza degli amanti della montagna che programmano già per questo inverno le loro passeggiate in quota. “Si tratta – continua il Primo cittadino – di una scelta che ci permette di compiere un importante passo avanti nella presentazione del territorio agli occhi di tutta la regione, ma soprattutto dei privati che vorranno successivamente investire nel rifacimento degli impianti di risalita”. E’ proprio su quest’ultimo punto che la “vicenda Bocca della Selva” trova il suo ostacolo principale: “Si tratta di impianti che vanno completamente sostituiti perchè ormai inadeguati. Purtroppo – spiega Cappello – la Regione Campania non prevede forme di finanziamento per le strutture destinate agli sport invernali. Confidare in un grande investimento esterno è l’unica strada percorribile in questo momento. E noi saremmo ben lieti di sostenere un simile progetto”.

Stiamo parlando di uno spazio dove da diversi anni viene garantito un servizio di accoglienza essenziale, oltre ad una qualificata assistenza sportiva dall’associazione di Piedimonte Sci Club Fondo Matese pur di tenere viva l’attenzione su questa straordinaria risorsa locale: studenti da tutta la Campania, durante i periodi di maggiori nevicate raggiungono il rifugio per lezioni di sci di fondo o attività di animazione, cos’ come nei week end accade per gli appassionati e le famiglie dei paesi dell’area matesina.
Ancora una volta è tutto rimandato, ma non la speranza che dai lavori che presto interesseranno il fondo, si muova l’interesse di qualcuno per un angolo di montagna tra i più belli e incantevoli dell’Italia Meridionale. Alla prossima stagione…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.