Home Arte e Cultura Tornano in Italia oltre 4500 beni artistici sottratti illegalmente

Tornano in Italia oltre 4500 beni artistici sottratti illegalmente

615
0

Ancora sottovalutato, purtroppo, il fenomeno dei traffici illeciti di opere d’arte e reperti archeologici

di Francesca Costantino – Dopo l’ultimo referendum, la Svizzera ha deciso di ridurre sensibilmente l’immigrazione. Ma c’è una frontiera che resta aperta e che porterà ben presto ad una clamorosa restituzione.  Si tratta di 4536 beni (opere d’arte e reperti archeologici) restituiti all’Italia dopo un’inchiesta giudiziaria d’oltralpe che ha riguardato il trasferimento illegale di opere sottratte al patrimonio artistico italiano.
tornano-italia-reperti-archeologiciIn molte delle procedure in corso, soprattutto a livello internazionale, i protagonisti della vicenda sono parte integrante di vere e proprie organizzazioni criminali, costituite da affaristi senza scrupoli, tombaroli, commercianti d’arte, professionisti  altamente specializzati nel campo dei beni culturali, galleristi e dipendenti di istituzioni museali.
Gli scavi clandestini, il furto e il traffico illecito costituiscono un’ingente e sicura fonte di guadagno e speculazione, al pari delle più famose “risorse” della criminalità (penso al traffico di droga, armi o ai rifiuti tossici). Ma ciò che più spaventa è la scarsissima attenzione data a tali problematiche, sia dall’informazione sia dall’opinione pubblica. Quanto è conosciuto il lavoro svolto dagli organi nazionali di Tutela del Patrimonio Culturale e dal Comando Carabinieri Tutela del Patrimonio Culturale? Direi quasi per nulla.
L’Italia, invece, è stata la prima Nazione al mondo a disporre di un reparto di polizia dedicato esclusivamente al contrasto delle archeomafie e del traffico illecito, anticipando di un anno la raccomandazione contenuta nella Convezione UNESCO, firmata a Parigi il 14 novembre 1970. In essa “si invitano gli Stati membri ad adottare le opportune misure per impedire l’acquisizione di beni illecitamente esportati e favorire il recupero di quelli trafugati, nonché a istituire servizi e personale specificatamente addestrato, a cui affidare il compito di assicurare il rispetto e la tutela dei beni d’arte”.
Siamo la Nazione delle contraddizioni e dei paradossi, inutile ribadirlo. Tuttavia più conoscenza e coscienza ci permetterebbe di contrastare, prima a livello culturale, e poi a livello materiale (aiutando le istituzioni preposte) una dispersione intollerabile. Si tratta pur sempre della NOSTRA identità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.