Home Attualità Servizio Sanitario Nazionale. Le nuove regole per il pagamento o l’esenzione del...

Servizio Sanitario Nazionale. Le nuove regole per il pagamento o l’esenzione del ticket

1558
0

Ministero della Salute. Nuove regole per la compartecipazione alla spesa sanitaria

Giovanna Corsale – Novità importanti sul fronte della sanità italiana. Il Ministero della Salute ha introdotto, infatti, diverse misure nell’intenzione di andare incontro ai cittadini e di prevenire disagi e fraintendimenti, in primis la tessera sanitaria in versione informatizzata, alla quale si aggiunge l’indicazione automatica degli assistiti esenti dal pagamento del ticket sanitario. Ovviamente, prima di consultare l’elenco è indispensabile che l’utente accerti l’effettivo possesso dei requisiti in virtù dei quali può usufruire dell’esenzione. Il 2015 è iniziato, dunque, all’insegna dei cambiamenti per quanto riguarda il settore sanitario, cambiamenti che tengono conto dell’eterogeneità degli assistiti e inoltre delle condizioni economiche e reddituali dei nuclei familiari. In quest’ottica, dal 1° gennaio sono entrati in vigore una serie di codici di esenzione, ognuno attribuito ad una specifica categoria di soggetti. Il codice E14 si riferisce alle prestazioni dei minori affidati alle case famiglia e comunità alloggio, su decisione del tribunale dei minori. Gli individui che afferiscono a questo codice non sono tenuti a compartecipare alla spesa farmaceutica di carattere regionale. Per questa tipologia di utenti è prevista la riduzione della quota regionale: da 10 a 5 euro per i pazienti appartenenti ad un nucleo familiare il cui reddito complessivo non sia superiore ai 36.151,98 euro e che non sono in possesso dei codici E02, E03, E04, E10, E14, X01. Il target di assistiti d’età superiore ai 6 e inferiore ai 65 anni, il cui reddito familiare non raggiunge i 36.151,98 euro viene identificato invece dal codice E00. La loro quota regionale da pagare sulla ricetta consta di 5 euro. Benefici considerevoli sono riservati anche ai cittadini extracomunitari che sono iscritti al Servizio Sanitario Nazionale, dotati di regolare permesso di soggiorno e richiedenti asilo politico o umanitario.
esenzione_ticketIn base al codice E07 a loro attribuito gli utenti stranieri possono godere di prestazioni farmaceutiche di vario genere, sottoporsi a visite specialistiche ambulatoriale e avere accesso al pronto soccorso per un arco di tempo di sei mesi a partire dal momento della richiesta. Per quanto riguarda i servizi rientranti nel regime di Pronto Soccorso ospedaliero che non prelude ad un periodo di ricovero, ossia i casi individuati come “codice bianco”, non è più necessaria la quota regionale di 25 euro. Un’ulteriore precisazione viene fatta in relazione al pagamento di 1,00 euro sulla ricetta Servizio Sanitario Nazionale (SSN). A questo proposito, i pazienti esenti incorsi negli effetti irreversibili dovuti a vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazione di farmaci ricavati dal sangue non dovranno versare la suddetta quota. Le nuove regole ministeriali relative ai tickets sanitari, sono state accolte anche dalla Regione Campania, allo scopo di riequilibrare il meccanismo di partecipazione alla spesa sanitaria. Ogni singolo Distretto Sanitario ha il dovere di guardare con oculatezza alla diversità che sussiste tra i vari nuclei familiari e quindi alle esigenze particolari di questi ultimi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.