Home Chiesa e Diocesi Alife-Caiazzo. Il vescovo Valentino Di Cerbo e i sacerdoti “in laboratorio”

Alife-Caiazzo. Il vescovo Valentino Di Cerbo e i sacerdoti “in laboratorio”

701
0

Mons. Valentino Di Cerbo ha nuovamente incontrato i suoi sacerdoti: un laboratorio comune di idee, dubbi, proposte concrete per la formazione dei cristiani

valentino di cerbo vescovoLa Redazione – Si torna a parlare di catechesi. Destinatari della proposta, che viene dalla Diocesi di Alife-Caiazzo e dal vescovo Valentino Di Cerbo, sono ancora una volta i giovani. Si tratta dell’itinerario di catecumenato crismale, ambizioso quanto necessario  processo di maturazione cristiana proposto a ragazzi di 15-16 anni. Come più volte da noi raccontato, esso rappresenta un itinerario di accompagnamento per i giovanissimi, non finalizzato al sacramento della Cresima, ma ad innestare la loro vita nella comunità parrocchiale di appartenenza. E la cresima è una tappa di questo nuovo processo.
Dunque….la cresima, eppure questo non è il comune corso di cresima. Per non disorientare i nostri lettori, ci fa piacere spiegare che il catecumenato crismale è un grande e variegato laboratorio di esperienza e ricerca, in cui l’umano di ciascuno trova il suo spazio di realizzazione: le parrocchie continuano a rivelarsi luogo privilegiato di incontri a misura di giovani, in cui si offre la possibilità di guardarsi dentro e conoscersi, di misurare se stessi, di guardarsi in relazione a qualcun altro, di comprendere Gesù Cristo, ma non passando dalla stantiva nozione su “chi è Gesù Cristo”.
Sembra la stessa cosa, eppure non lo è.
Da 2 anni la Diocesi di Alife-Caiazzo sta investendo nella formazione di coloro che, individuati dai parroci, attiveranno (o hanno già attivato) l’itinerario di catecumenato crismale. Nelle ultime due settimane si è riunita l’èquipe di animatori e si sono ritrovati tutti i sacerdoti per 3 giorni di aggiornamento (il catecumenato è stato uno dei temi affrontati) per approfondire e meglio riflettere sulla scelta di questo itinerario.
Poi il Vescovo Valentino Di Cerbo con il vicedirettore dell’ufficio catechistico diocesano don Vittorio Marra, ha incontrato i sacerdoti di 4 delle 5 foranie in altrettanti luoghi diversi della Diocesi (Alvignano, Letino, Alife, Piana di Monte Verna): non serve solo dire cos’è il catecumenato crismale, ma si rivela fondamentale confrontarsi insieme sulle motivazioni che oggi spingono una Diocesi a cambiare rotta nella formazione cristiana dei più giovani. Il Vescovo continua a trovare disponibilità e buoni propositi seppur non manchi l’incertezza e i dubbi che ogni cambiamento porta con sé; tuttavia cresce la presa di coscienza da parte del clero diocesano di dare una svolta, alla formazione “del passato” che non tira più, ha perso efficacia nei suoi linguaggi (non nei contenuti!).
I metodi cambiano, in controtendenza rispetto alla comune frase “ma da noi si è sempre fatto così”; quello nozionistico è uno stile superato da tempo, quello delle riflessioni “intorno a”, altrettanto. Questo è il tempo dell’esperienza, quella che significa incontro vero con Gesù Cristo.
In alcune parrocchie l’esperienza è già concreta.
A chi ha qualche dubbio…provare per credere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.