Home Territorio Vino italiano, dal 1° gennaio obbligo del registro di cantina telematico

Vino italiano, dal 1° gennaio obbligo del registro di cantina telematico

L'obbligo è rivolto ai produttori di vino italiano, i quali vi si possono conformare fino al 30 aprile, per una maggiore tutela del Made in Italy

1815
0

vino-italiano

Dal 1° gennaio prossimo i produttori di vino saranno tenuti ad osservare l’obbligo del registro di cantina telematico, con la possibilità di conformarsi fino al 30 aprile 2017.
Questo provvedimento è stato pensato per preservare l’esportazione di vino Made in Italy, che, a onor del vero, è aumentato di anno in anno, grazie soprattutto all’impegno delle autorità nel combattere le frodi con il registro telematico antifrode, un nuovo vincolo si prospetta all’orizzonte. L’obiettivo è quello di consentire, in tempi brevissimi, il completo interscambio con le strutture di controllo e la semplificazione o automatizzazione dei procedimenti in cui vengono dichiarate la produzione e la lavorazione.
Il registro delle cantine telematico dev’essere tenuto da tutte le persone fisiche e giuridiche e le associazioni che, per l’esercizio della loro attività professionale o per fini commerciali, detengono un prodotto vitivinicolo: i titolari di stabilimenti o depositi che eseguono operazioni per conto di terzi che devono effettuare le registrazioni nel proprio registro telematico, distintamente per ciascun committente, indicando i vasi vinari utilizzati; i titolari di stabilimenti di produzione o imbottigliamento dell’aceto che devono effettuare le registrazioni di carico e scarico e di imbottigliamento; i titolari di stabilimenti che elaborano bevande aromatizzate a base di vino che devono effettuare le registrazioni dei prodotti vitivinicoli introdotti e le successive utilizzazioni/lavorazioni. Per la trasmissione delle operazioni di carico e scarico è possibile utilizzare sia il sistema online per la registrazione diretta delle operazioni che il sistema di interscambio di dati in modalità web-service. Tutti gli operatori si devono autenticare sul portale internet del Mipaaf con le proprie credenziali e procedere all’abbinamento del proprio Cuaa (Codice Univoco Azienda Agricola) con i codici Icqrf dei propri stabilimenti.
Se il vino italiano aspira a distinguersi a livello mondiale, vanno assolutamente esaltate i suoi tratti peculiari, “dando valore dunque alle specificità territoriali che rappresentano la vera ricchezza del nostro Bel Paese”, come precisa il Presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.