Home Dalla Campania Pietravairano tra le “100 Mete d’Italia”, il 16 novembre l’ufficializzazione

Pietravairano tra le “100 Mete d’Italia”, il 16 novembre l’ufficializzazione

La candidatura di Pietravairano è stata presentata lo scorso 28 settembre dal prof. Giuseppe Angelone, con un dossier positivamente valutato dall'Osservatorio delle Eccellenze Italiane

732
0
CONDIVIDI

pietravairano

Una vera e propria sorpresa è in arrivo per l’Alto Casertano: il borgo di Pietravairano è stato inserito nel circuito delle “100 Mete d’Italia”. L’ufficializzazione del riconoscimento avverrà giovedì 16 novembre alle ore 16.30, nell’ambito di un evento istituzionale che si terrà a Roma presso la Sala Koch di Palazzo Madama, sede del Senato della Repubblica.
Tra i membri del Comitato d’Onore ci saranno anche Vittorio Sgarbi, saggista e critico d’arte, e il dott. Giovanni Malagò, presidente del CONI.

La candidatura è stata presentata lo scorso 28 settembre dal prof. Giuseppe Angelone, docente presso l’Università della Campania “L. Vanvitelli” e responsabile scientifico delle attività culturali comunali. Il dossier, presentato e valutato positivamente dall’Osservatorio delle Eccellenze Italiane, ha consentito al comune campano di far parte di un ristretto numero di località che si sono contraddistinte per la valorizzazione del patrimonio culturale.

Un’occasione importante per Pietravairano, che avrà la possibilità di dare nuovo slancio alle sue ricchezze. A tal proposito lo stesso sindaco Zarone ha dichiarato di essere molto contento perché “questo prestigioso riconoscimento rappresenta il raggiungimento di un importante traguardo, frutto di anni di lavoro e di impegno costante. Sin dal nostro insediamento come amministratori, intuimmo che tale sogno potesse avverarsi, attraverso l’organizzazione e la promozione di molteplici attività per la valorizzazione culturale e per il turismo. Fondamentale, in tal senso, è stato il contributo scientifico del prof. Giuseppe Angelone, che da sempre spende le sue energie per la divulgazione della nostra storia”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

l'informativa sulla privacy


Place your text here