Home Territorio Comunità Montana del Matese. Il presidente Imperadore: “Vicenda Baif tra le priorità”

Comunità Montana del Matese. Il presidente Imperadore: “Vicenda Baif tra le priorità”

Insieme a Francesco Imperadore, presidente, gli altri membri della Giunta sono: Damiano De Rosa, sindaco di Prata Sannita; Mauro Martino, delegato di Piedimonte Matese; Luigi Zazzarino, delegato di Alife e Domenico Buccio di Ciorlano

1921
0
Veduta di San Gregorio Matese

Michele Martuscelli – Adesso la prova dei fatti, gradualmente ma possibilmente in maniera incisiva. La conta c’è stata eccome! Il nuovo presidente della Comunità Montana del Matese è il sindaco di San Potito Sannitico, Francesco Imperadore, sostenuto da nove amministrazioni contro gli otto comuni che non hanno votato la proposta, concedendo, però, un voto di astensione, come segnale di apertura (anche perché i due programmi erano sostanzialmente uguali). In altri i programmi, allegati alle mozioni, infatti, si evidenzia il problema delle carenze-inadempienze delle rendicontazioni dei fondi, a carico dell’Ente, per i pagamenti dei Baif come criticità da superare o limitare. L’elezione è arrivata a metà percorso del suo secondo mandato da Sindaco di San Potito Sannitico. Ad un certo punto delle convulse trattative aveva rinunciato, dando spazio al tentativo incentrato sul sindaco di Prata Sannita, Damiano De Rosa. Poi è riemersa la candidatura con gli equilibri dei firmatari della mozione, “autonoma dai Partiti”, come sottolineato in più occasioni rispetto a quella spalleggiata dal consigliere regionale Gennaro Oliviero (PD) e da altri comuni vicini a FI, con De Rosa nella cerchia degli assessori.

francesco imperadore san potito sannitico
Francesco Imperadore

Così, Imperadore ed il gruppo di sindaci sono riusciti a mettere insieme amministratori molto diversi tra di loro, da oggi uniti nell’intento di gestire in prima persona problemi ed aspettative consistenti. La preoccupazione maggiore è quella “di prendere tra le mani le redini dell’annosa vicenda, innanzitutto, che costringe da tempo i Baif ad una precarietà senza precedenti”. Una consapevolezza delle difficoltà che emerge nel contenuto di una nota di commento: “La prima cosa che ho voluto capire – ha dichiarato il Neo Presidente – è stata la situazione in cui si trovano i circa 220 Baif. Chi mi conosce sa bene che sono una persona che non ama slogan e proclami e dunque ho sin da subito pensato direttamente a quale potrebbe essere la strada da intraprendere già da subito. Porterò avanti il compito che mi è stato affidato con la serietà e la coerenza che accompagnano il mio percorso da sindaco. Non ho mai pensato che si trattasse di un percorso semplice, ma sono ottimista e confido nel dialogo con le autorità regionali e nella collaborazione con tutti i 17 sindaci. È necessario cominciare da subito un percorso importante a sostegno delle nostre zone montane”, ha concluso.

La Giunta è formata da De Rosa; dal delegato di Piedimonte Matese, Mauro Martino, dal delegato del comune di Alife (traiettoria a zig zag) Luigi Zazzarino e dall’unico sopravvissuto della Giunta uscente, Domenico Buccio di Ciorlano. Gli altri comuni sostenitori della Maggioranza sono Valle agricola, Gallo Matese, Ailano, e Capriati al Volturno. Gli altri otto comuni dell’ambito comunitario – con sfumature nei vari interventi si sono astenuti come rilevato al termine dell’esito delle elezioni che hanno portato alla nuova Maggioranza, mentre in Regione è anche cambiato il referente istituzionale con la nomina dell’ex parlamentare europeo Nicola Caputo per i settori della Forestazione/Agricoltura e Politiche Europee.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.