Home Chiesa e Diocesi Raviscanina / Parrocchia Santa Croce. Paolo Carlone riceve il ministero dell’Accolitato

Raviscanina / Parrocchia Santa Croce. Paolo Carlone riceve il ministero dell’Accolitato

Mercoledì 9 settembre, nella chiesa Santa Croce alle 18.30, il vescovo Orazio Francesco Piazza conferirà il ministero dell'Accolitato al Lettore Paolo Carlone

1453
0

Giovanna Corsale – La comunità di Raviscanina si prepara con entusiasmo a partecipare all’Accolitato di Paolo Carlone, momento di festa che si estende all’intera diocesi di Alife-Caiazzo. Un traguardo che si profila all’orizzonte del cammino di fede e servizio costante che fanno di Paolo una presenza importante per la parrocchia Santa Croce. Dopo il Lettorato, ricevuto l’anno scorso, ora la “missione” di Paolo si arricchisce del tassello successivo, che gli permetterà di indossare l’abito dell’Accolito, definito “ministro” a partire dalla Riforma di papa Paolo VI del 1972. (Fonte it.wikipedia.org).

La cerimonia di conferimento si svolgerà il prossimo 9 settembre presso la chiesa Santa Croce di Raviscanina, alle 18.30, e sarà presieduta da mons. Orazio Francesco Piazza, amministratore apostolico diocesano. L’evento sarà anticipato dal Triduo preparatorio, dal 6 a martedì 8 settembre, quando è in programma la Giornata Eucaristica che prevede la Messa alle 9.30, al termine, l’Esposizione Eucaristica e alle 18.00 i Vespri e la Benedizione Eucaristica.

“Nel momento in cui un padre sente dire dalla propria figlia ‘Papà voglio diventare suora’, allora capisci che Dio è lì accanto a te e forse prima non te n’eri accorto“. Sono le parole pronunciate con commozione da Paolo, il quale vede riflettersi nell’esperienza vocazionale di sua figlia Ines, oggi membra della Congregazione delle Figlie di Maria Missionarie, la propria chiamata. Da qui la scelta di rispondere, come sua figlia, alla volontà del Signore, dedicandosi ai “fratelli e alle sorelle” senza risparmiare tempo né energie, ma senza mai trascurare gli impegni e le responsabilità familiari. La vita della parrocchia è per Paolo fonte improsciugabile di gioia e di emozioni intense che sono quelle legate ai gesti di vicinanza e conforto compiuti ogni giorno da un uomo, padre e marito, nei confronti di chi è solo in cerca del Bene. Diventare accolito darà a Paolo la possibilità di consolidare la sua presenza al fianco delle persone della sua realtà e del parroco, don Armando Visone, grazie ai nuovi compiti che rientrano nelle sue funzioni.

 La testimonianza di don Armando Visone 
“Momenti come questi vivificano le comunità cristiane facendole sentire amate da Dio; e poi ricordano a tutti che la Chiesa cresce per la molteplicità di carismi e ministeri che ognuno porta, soprattutto se a rispondere generosamente al Signore sono i laici; ci ricordano che ‘servire’ in nome del Vangelo è sempre motivo di gioia, ma soprattutto di crescita nella fraternità.
Chiedo a tutti i parrocchiani di non mancare, soprattutto ai giorni in preparazione alla solenne Celebrazione perché la preghiera di tutti sostenga il cammino del nostro fratello Paolo e susciti – perché no – ancora nuove risposte generose in altri battezzati”.

 Cosa fa l’Accolito? 
All’accolito spetta verificare il corretto allestimento del presbiterio e la corretta predisposizione del Messale, partecipare alla processione d’ingresso indossando la propria veste liturgica; aiutare il celebrante ed il diacono durante le celebrazioni liturgiche; portare la croce processionale e presentare, all’occorrenza, il Messale al celebrante; disporre sull’altare il corporale, il purificatoio, il calice ed il Messale; aiutare il celebrante ed il diacono durante l’offertorio; presentare, se necessario, il pane ed il vino al celebrante; può versare il vino, ma non l’acqua nel calice e non può alzare il calice alla dossologia della preghiera eucaristica, a cui si aggiungono altre azioni che fanno parte della liturgia. (Da it.wikipedia.org)

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.