Home Arte e Cultura Castello del Matese ospita le Giornate Dantesche, da un sentiero all’altro sui...

Castello del Matese ospita le Giornate Dantesche, da un sentiero all’altro sui versi del “sommo poeta”

Sabato 23 e domenica 24 luglio, si terrà la prima edizione dell'evento, realizzato in collaborazione tra il Comune di Castello e la Fondazione San Bonaventura. Nella due giorni si inserisce il "Cammino di Dante", un percorso multisensoriale guidato, tracciato con la riqualificazione di antichi sentieri e la creazione di una passerella in acciaio

937
0
Castello del Matese
Veduta di Castello del Matese

Un nuovo evento dedicato al padre della lingua italiana che avrà come cornice il borgo di Castello del Matese è quello che si svolgerà sabato 23 e domenica 24 luglio. Si tratta della prima edizione delle Giornate Dantesche, appuntamento culturale destinato a ripetersi ogni anno e ad arricchire la stagione estiva, grazie al prezioso mix di cultura, arte e natura bella. La due giorni, realizzata dal comune di Castello in collaborazione con la Fondazione San Bonaventura, rientra nel Programma Operativo Complementare (POC) Campania 214-2020, Rigenerazione Urbana, Politiche per il Turismo e Cultura “Programma di percorsi turistico-culturali, naturalistici ed enogastronomici per la promozione turistica della Campania. “Luoghi fuori luogo Festival dell’Utopia” periodo ottobre 2021 dicembre 2022.

Nelle Giornate Dantesche s’inserisce il “Cammino di Dante“, un percorso multisensoriale guidato dedicato alla Divina Commedia, ricostruito riqualificando antichi sentieri e con la creazione di una passerella in acciaio sulla rupe della valle del Rivo. Una suggestiva rievocazione del viaggio compiuto da Dante attraverso Inferno, Purgatorio e Paradiso: dalla valle dell’Inferno alla cappella del Purgatorio, per arrivare al terrazzo paradisiaco di Castello. Il percorso inizia da piazza Roma e comprende le seguenti tappe: Inferno IV, Dante e gli spiriti magni, Torre Normanna; Bestiario dantesco, inizio sentiero; Inferno XIII, Dante nella selva dei suicidi, panorama della Valle dell’Inferno; Purgatorio XI, Dante tra i superbi, Cappella del Purgatorio; Dante e la sacralità del lavoro, Giardino degli artisti; Dante XXX, apparizione di Beatrice, Torretta; Paradiso XI, San Francesco d’Assisi, inizio passerella; Dante, l’altro e l’inclusione, fine passerella; Dante XXXI, apparizione di San Bernardo, Anfiteatro; saluto in piazza Roma.

Sta come torre ferma – Con Dante a Castello
Il sentiero di Dante è un percorso ad anello multisensoriale adatto a tutte e tutti. Non bisogna fare altro che abbandonarsi ai colori, ai suoni, ai profumi e alle parole che s’incontrano durante il tragitto. A fungere da guida le parole di Dante e il pieno godimento si potrà raggiungere mediante la “sospensione dell’incredulità”, parafrasando il poeta inglese Coleridge. Non mancheranno momenti di spettacolo dedicati a Dante, come l’esibizione di danza “Divine” e il “Dialogo con Dante”, musica e versi. La direzione artistica dell’evento è a cura di Luigi Arrigo, direttore della Biblioteca diocesana “San Tommaso d’Aquino”, mentre il comitato scientifico è formato da Giuseppe Castrillo, Luca Di Lello, Carmine Mastroianni, Luigi Arrigo, Carlo Caccavale.

Programma completo delle Giornate Dantesche
Sabato 23 luglio: 18.30, Piazza Roma, Presentazione della prima edizione delle GIORNATE DANTESCHE di Castello del Matese e del Sentiero dedicato al sommo Poeta.
Interventi: Salvatore Montone, Sindaco di Castello del Matese; Antonio Montone, già sindaco di Castello del Matese; Carlo Caccavale, Presidente Fondazione San Bonaventura; Luca Di Lello, Coordinatore del comitato scientifico;
ore 19.00, Il Cammino di Dante… Castello del Matese: Inaugurazione del Sentiero dedicato al Viaggio di Dante – Percorso guidato;
ore 21.00, Anfiteatro della Villa Comunale: Divine. Pièce di versi in danza. Drammaturgia e regia a cura di Michele Casella; coreografie di Roberta De Rosa; direzione artistica di Annamaria Di Maio e la produzione è di ARB Dance Company.
Domenica 24 luglio: 19.00, Percorso guidato; 20.30, Belvedere di Piazza Roma: “Sta come torre ferma, che non crolla già mai la cima per soffiar di venti”; In dialogo con Dante: Carmine Mastroianni – Giuseppe Castrillo – Luca Di Lello – Michele Casella; le voci di Angelo Rotunno e Claudia Orsino; al flauto Sabrina Cenerazzo e al pianoforte Daniele Alfisi. Le conclusioni sono affidate al direttore artistico Luigi Arrigo;
ore 21.30, Anfiteatro della Villa Comunale: Spettacolo musicale a cura della Pro Loco “Rocca alta”.

N.B.: Si consiglia un abbigliamento adeguato per trekking.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.